in

Flussi. Lavoratori non stagionali e autonomi: ecco come presentare la domanda e la modulistica

Roma, 12 ottobre 2020 – Ecco il testo contenuto nella Circolare interministeriale con i dati riguardanti la modalità di presentazione delle domande e la modulistica per i lavoratori non stagionali e autonomi del decreto flussi 2020.

– A partire dalle ore 9,00 del 13 ottobre 2020 sarà disponibile l’applicativo per la precompilazione dei moduli di domanda all’indirizzo: https://nullaostalavoro.dlci.interno.it, che saranno trasmessi, esclusivamente con le consuete modalità telematiche, per le categorie dei lavoratori non comunitari per lavoro non stagionale ed autonomo, compresi nelle quote indicate all’art.3, comma 1, lett.a) e all’art.4 del DPCM 7 luglio 2020, dalle ore 9,00 del 22 ottobre 2020, decimo giorno successivo alla data di pubblicazione del citato decreto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Per le categorie dei lavoratori di cui all’art.3, comma1, lett.b) – cittadini di Paesi con i quali, nel corso dell’anno 2020, entrino in vigore accordi di cooperazione in materia migratoria – le istanze potranno essere trasmesse a partire dal quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione dell’accordo di cooperazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Tutte le domande potranno essere presentate fino al 31 dicembre 2020.

Si rammenta che la procedura concernente le modalità di accesso al sistema dello Sportello Unico richiede il possesso di un’identità SPID, come illustrato con Circolare del Ministero dell’Interno n. 3738 del 4 dicembre 2018.
Pertanto, prerequisito necessario per l’inoltro telematico delle domande sul sito
https://nullaostalavoro.dlci.interno.it è il possesso della citata identità SPID da parte di ogni utente, utilizzando possibilmente, lo stesso indirizzo email usato per l’identità SPID, quale nome utente.
Eseguito l’accesso sopra descritto, le modalità di compilazione dei moduli e di invio delle domande sono identiche a quelle da tempo in uso e le caratteristiche tecniche sono reperibili sul manuale utente pubblicato sull’home page dell’applicativo.
Durante la fase di compilazione e di inoltro delle domande, sarà fornita assistenza agli utenti attraverso un servizio di help desk, che potrà fornire ragguagli tecnici e sarà raggiungibile tramite un modulo di richiesta di assistenza utilizzando il link “Help Desk”, sull’home page dell’applicativo, disponibile per tutti gli utenti registrati.

I modelli da utilizzare per l’invio della domanda sono i seguenti:

• Modelli A e B per i lavoratori di origine italiana residenti in Venezuela,
• Modello VA conversioni dei permessi di soggiorno per studio, tirocinio e/o
formazione professionale in permesso di lavoro subordinato,
• Modello VB conversioni dei permessi di soggiorno per lavoro stagionale in
lavoro subordinato,
• Modello Z conversione dei permessi di soggiorno per studio, tirocinio e/o
formazione professionale in lavoro autonomo,
• Modello LS conversioni dei permessi di soggiorno CE per soggiornanti di
lungo periodo rilasciati da altro Stato membro dell’UE in permesso di lavoro
subordinato,
• Modello LS1 conversioni dei permessi di soggiorno CE per soggiornanti di
lungo periodo rilasciati da altro Stato membro dell’UE in permesso di lavoro
subordinato domestico, • Modello LS2 conversioni dei permessi di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo rilasciati da altro Stato membro dell’UE in permesso di lavoro autonomo,
• Modello BPS richiesta nominativa di nulla osta riservata all’assunzione di
lavoratori che hanno partecipato a programmi di formazione e di istruzione
nei Paesi di origine (ex art. 23 del TUI).
• Modello B2020 richiesta nominativa di nulla osta riservata all’assunzione di
lavoratori da adibire nei settori dell’autotrasporto, dell’edilizia e turistico alberghiero.

Tutti gli invii, compresi quelli generati con l’assistenza delle associazioni o dei
patronati, verranno gestiti dal programma in maniera singola, domanda per domanda e non “a pacchetto”. L’eventuale spedizione di più domande mediante un unico invio verrà gestita come una serie di singole spedizioni, in base all’ordine di compilazione, e verranno generate singole ricevute per ogni domanda.
Le domande saranno trattate sulla base del rispettivo ordine cronologico di presentazione.
Nell’area del singolo utente sarà, inoltre, possibile visualizzare l’elenco delle domande regolarmente inviate.
Allo stesso indirizzo http://nullaostalavoro.dlci.interno.it, nell’area privata dell’utente, sarà possibile visualizzare lo stato della trattazione della pratica presso lo Sportello Unico Immigrazione.

Decreto flussi 2020: ecco le quote per i lavoratori stagionali

La polemica. Fsp Polizia: “Situazione nei centri migranti fuori controllo”