in

Migranti e integrazione lavorativa, Di Berardino presenta il progetto “Prima il lavoro”

Roma, 10 maggio 2022 – Si è tenuta oggi la giornata di confronto su “Prima il lavoro“, il progetto che vuole migliorare l’integrazione lavorativa dei migranti. Tra i partecipanti spicca il nome di Claudio Di Berardino, l’assessore al Lavoro e ai nuovi diritti della Regione Lazio, il quale si è detto particolarmente fiero del percorso che il suo territorio ha intrapreso.

migranti

Migranti e integrazione lavorativa, il progetto del Lazio

“Oggi ho partecipato alla giornata di confronto su ‘Prima Il Lavoro’, il progetto per l’Integrazione lavorativa dei migranti, a valere sul Fondo Asilo Migrazione e Integrazione 2014-2020. Una iniziativa che vede la Regione Lazio come Ente capofila. Vogliamo aumentare il numero di migranti coinvolti nelle politiche attive del lavoro offerte dai servizi del territorio. Con particolare riferimento a soggetti vulnerabili come donne, giovani, richiedenti asilo o titolari di protezione umanitaria e internazionale”, si legge nella nota dell’assessore al Lavoro e Nuovi diritti della Regione Lazio, Claudio Di Berardino. “Vogliamo poi migliorare la conoscenza e l’accesso ai servizi al lavoro presenti sul territorio. Anche mediante la semplificazione delle informazioni. E validare le competenze non formali o informali acquisite. Conn una certificazione dei titoli posseduti acquisiti nei paesi di origine o durante il percorso migratorio”, si legge inoltre nella nota.

Con questo progetto intendiamo promuovere azioni di sistema per qualificare e standardizzare i servizi erogati ai migranti. Ma anche rafforzare la governance multilivello degli interventi. Tanto più ora che abbiamo importanti risorse a disposizione, dal PNRR a GOL, alle risorse della Nuova Programmazione UE e i progetti come quelli di contrasto al caporalato che come Regione stiamo portando avanti”, ha detto poi in conclusione. 

>> Tutte le notizie di Stranieri in Italia

Clicca per votare questo articolo!
[Totale: 0 Media: 0]

Minori stranieri non accompagnati, a Genova firmato un protocollo per favorire i tutori volontari

Sono un cittadino dell’Unione Europea e voglio fare un viaggio in Italia: se ho bisogno di cure durante il soggiorno devo pagarmele?