in

Papa Francesco: “Non chiudere le porte alla speranza dei migranti”

Roma, 27 settembre 2021 – “Non chiudiamo le porte alla loro speranza”. Queste le parole del Papa all’Angelus per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato.

“Necessario camminare insieme, senza pregiudizi, senza paure, ponendosi accanto a chi è più vulnerabile, migranti, rifugiati, sfollati, vittime della tratta e abbandonati. Siamo chiamati a costruire un mondo sempre più inclusivo che non escluda nessuno”.

Il Papa ha poi invitato i fedeli in piazza a recarsi presso il monumento, all’interno del colonnato del Bernini, dedicato ai migranti: “Prima di lasciare la piazza vi invito a avvicinarsi a quel monumento là, la barca con i migranti e a soffermarvi sullo sguardo di quelle persone e cogliere in quello sguardo la speranza che oggi ha ogni migrante di ricominciare a vivere.
Andate là, vedete quel monumento. Non chiudiamo le porte alla loro speranza”.

Clicca per votare questo articolo!
[Totale: 0 Media: 0]

I volti del Perù in Italia in una mostra a Milano

Vertice Mediterraneo: “Arginare i flussi di migranti a monte prima che raggiungano le frontiere esterne dell’Unione”