in

Truccavano i test di italiano per stranieri: cinque persone a processo a Milano

Roma, 30 settembre 2020 – Vanno direttamente a processo i principali protagonisti del sistema di test truccati mirato far ottenere agli stranieri il certificato di conoscenza di lingua italiana necessario per l’ottenimento del permesso di soggiorno di lungo periodo.

Il gip di Milano Lidia Castellucci ha disposto il processo immediato per Nicola Baviglia e Fiorella Cravero, marito e moglie, che gestivano il centro studi Athena di Milano, convenzionato con la Sge Form srl, a sua volta convenzionata con il Centro per la valutazione e le certificazioni linguistiche dell’Università per stranieri di Perugia”. Insieme a loro anche i tre presunti intermediari e collaboratori della coppia.

Tutti accusati a vario titolo di corruzione, rivelazione e utilizzazione del segreto d’ufficio e falso ideologico. Per tutti, il processo prenderà il via il prossimo 18 novembre davanti ai giudici dell’ottava sezione penale del Tribunale di Milano.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti milanesi, ai candidati venivano consegnati test precompilati con molte risposte giuste e una sbagliata per non alimentare sospetti. In cambio la coppia avrebbe ricevuto 500 euro per ogni certificato rilasciato agli stranieri (soprattutto cinesi).

Dl Ristori: dai professionisti alle colf e badanti, tanti gli esclusi

La stima. L’Organizzazione mondiale della sanità: “Vaccino Covid ad inizio 2021”