in

Tassa sui permessi di soggiorno. Quanto costa e chi la deve pagare?

Buongiorno sono entrato in Italia con un ricongiungimento familiare e ora devo chiede il permesso di soggiorno. Mi hanno detto che c’è una tassa da pagare. Quanto mi costerà? 

 
Roma – 30 luglio 2015 – Essere immigrati regolari in Italia è diventato più costoso dall’inizio del 2012, quando è stato introdotto il contributo per il rilascio e il rinnovo del permesso di soggiorno. 
 
L’importo varia in base alla durata del permesso di soggiorno: 80 euro se è compresa tra tre mesi e un anno; 100 euro se è superiore a un anno e inferiore o pari a due anni; 200 euro se si tratta di un  “permesso Ue per soggiornanti di lungo periodo”, la cosiddetta “carta di soggiorno”, che è a tempo indeterminato. 
 
Sono esentati dal pagamento: i minori; chi entra in Italia per cure mediche, così come i suoi  accompagnatori; chi chiede un permesso per asilo, richiesta d’asilo, protezione sussidiaria o motivi umanitari; chi deve solo aggiornare o convertire un permesso ancora valido. 
 
Quel contributo non è però l’unica spesa da sostenere per il rilascio o il rinnovo del permesso. Bisogna infatti versare altri  27,50 euro per il rilascio del permesso di soggiorno elettronico, acquistare una marca da bollo da 16 euro da allegare una domanda e infine pagare 30 euro a Poste Italiane per il servizio. 
 
Leggi anche:
 
 

 ما هي الضريبة الجديدة الواجب دفعها للحصول على تصريح الإقامة في إيطاليا؟ (Migreat.it)

 
Condividi su:

Rom, verità e pregiudizi. Piotta vs Elio Germano nell’intervista doppia

Lotta ai trafficanti, sì del Parlamento all’operazione EUNAVFOR Med