in

Sono un lavoratore domestico e lavorerò anche il 15 agosto che è un giorno festivo. Riceverò lo stesso stipendio? L’esperto risponde

Occorre in primo luogo premettere che la Legge ed il Contratto collettivo individuano le seguenti date specifiche come festività:

1 e 6 gennaio, lunedì di pasqua, 25 aprile, 1° maggio, 2 giugno, 15 agosto, 1° novembre, 8 dicembre, 25 e 26 dicembre, festività del Santo patrono del luogo in cui si svolge il lavoro.

In questi giorni spetta il riposo al lavoratore, senza però perdere il diritto alla retribuzione. Se invece viene ugualmente chiesto al collaboratore di lavorare, dovrà essergli riconosciuto un supplemento, ovvero una somma superiore proprio in ragione del fatto che lavori durante la festività, come nel caso in cui lavori di domenica.

Occorre però distinguere, per questa categoria di lavoratori, tra retribuzione con paga oraria e retribuzione con paga mensile.

Paga oraria: Se il collaboratore domestico riceve uno stipendio su base oraria, la festività viene retribuita sempre, con una somma pari ad 1/6 dell’orario settimanale, indipendentemente dalle ore convenute, dal fatto che la festività cada di domenica o che in quello fosse o meno giorno lavorativo.

Paga mensile: il lavoratore riceverà in busta paga una retribuzione prevista per quel giorno secondo il contratto collettivo, se la festività cade in un giorno dal lunedì al sabato. Se invece la festività coincide con la domenica, dovrà essere riconosciuto un importo aggiuntivo alla retribuzione pari ad 1/26 dello stipendio mensile.

E’ utile comunque sapere che il lavoratore domestico può sempre richiede il recupero del giorno di riposo in altro giorno della settimana, con rinuncia al godimento in busta paga della festività.

Se si lavora durante la domenica e le festività, invece, il datore di lavoro dovrà riconoscere sia le ore lavorate, sia una maggiorazione del 60%.

Articolo realizzato per Stranieri in Italia da: Federica Merlo, avvocato

Clicca per votare questo articolo!
[Totale: 2 Media: 5]

commissione europea

Migranti, niente più servizio di mediazione linguistica nelle questure e negli hotspot

Nuovi dati Frontex: in sei aumentati dell’84% gli arrivi di migranti nell’Ue