in

Quattro giovani rientrati in Romania dall’Italia aprono un ristorante nonostante la pandemia: “È pieno, difficile trovare posti senza prenotazione”

Roma, 31 marzo 2021 – Quattro giovani di Botosani, citta del nord della Romania, rientrati da poco dall’Italia, dove hanno lavorato per diversi anni in diversi ristoranti, hanno aperto, pagando con i propri risparmi, il proprio ristorante, con specialità italiane, chiamato Belotti.

L’iniziativa può essere considerata estremamente coraggiosa per questi tempi, quando le attività del settore HORECA stanno chiudendo o, a causa dell’evoluzione della pandemia, sono diventate imprevedibili.

“Da tempo desideravamo aprire il nostro ristorante. Inizialmente avevamo gli occhi puntati su un ristorante che si chiamava così, a Genova, che era in affitto, ma è arrivata la pandemia e visto che tutto in Italia si chiudeva, abbiamo deciso di aprire Belotti a Botosani “, ha dichiarato Daniela Apalani, moglie dello chef Constantin.

I quattro soci fanno la maggior parte del lavoro, quindi non hanno bisogno di molto personale. Hanno deciso di portare la cucina mediterranea a Botosani, utilizzando ingredienti italiani e, soprattutto, mettendo alla prova tutto ciò che hanno imparato durante i loro anni di lavoro in Italia.

Il design del ristorante è di un autentico ristorante italiano. Le ricette sono identiche a quelle del BelPaese, compresa la preparazione della pasta, un rito spettacolare in cui una grossa forma di parmigiano, forata al centro, viene utilizzata come “bacinella” in cui il pasto viene mescolato.

“Non posso che essere contento che un posto del genere sia stato aperto nella nostra città. Voglio che mantengano lo standard che si sono prefissati e che mi piace molto, è davvero come in Italia. Abbiamo già futuri clienti fedeli “, ha detto eccitato uno dei clienti, un noto avvocato.

Nonostante sia aperto solo da due settimane, Belotti ha già clienti affezionati, quindi è difficile trovare posti vacanti senza prenotazione.

L’articolo su Gazeta Romaneasca, il giornale dei romeni in Italia:

Patru tineri, recent întorși din Italia, au deschis în plină pandemie un restaurant, dificil de găsit locuri libere, fără rezervare

Acli: “Ius Soli legge di civiltà, quanto c’è ancora da aspettare?”

Bollettino covid oggi, 31 marzo: superate le 10 milioni di vaccinazioni