in

L’Albania debutta al Salone del Libro di Torino [Torino, 16 – 20 maggio 2013]

Il Salone Internazionale del Libro che si terrà a Torino dal 16 al 20 maggio 2013 ospiterà quest’anno, per la prima volta, uno stand dedicato all’Albania. Lo spazio espositivo, organizzato e gestito dal Centro di Cultura Albanese, col patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica d’Albania in Italia, ospiterà le opere dei principali autori albanesi contemporanei pubblicate in lingua italiana.

Il pubblico del Salone avrà così l’opportunità di conoscere meglio la letteratura albanese attraverso le opere di Ismail Kadarè, Anilda Ibrahimi, Ardian Kristian Kycyku, Elvira Dones, Fatos Kongoli, Gezim Hajdari, Ornela Vorpsi, Visar Zhiti, Ylljet Alicka, ed altri autori pubblicati in lingua italiana da diverse case editrici, tra cui Einaudi, Feltrinelli, Longanesi e Tea, Besa e Controluce, Zandonai, Fandango, Diana, Lexis, ecc.  

Una sezione speciale dello stand sarà dedicata alla letteratura in lingua originale, rappresentata da una selezione di titoli scelti di diverse case editrici albanesi, a disposizione del pubblico albanofono. Non mancheranno inoltre le opere di saggistica e quelle di autori italiani dedicate all’Albania.    

Da sottolineare anche la sezione dedicata alla cultura arbëreshe (italo-albanese), curata dall’Associazione Vatra Arbëreshe e patrocinata dal Comune di Chieri, che ospiterà documenti e libri provenienti tra l’altro dall’Università della Calabria, l’Università Orientale di Napoli, l’Eparchia di Lungro (CS), la Biblioteca del Comune di Piana degli Albanesi (PA), ecc.

Lo stand ospiterà infine anche una selezione di titoli in lingua albanese che fanno parte del fondo delle Biblioteche Civiche Torinesi. Costituito nell’ambito del progetto “Passaggio ad Est”, il fondo è composto da oltre 160 titoli, a disposizione dei cittadini albanesi nei 14 punti prestito della rete bibliotecaria urbana.  

Durante i giorni del Salone lo stand ospiterà anche diversi incontri con autori albanesi e italiani.

La partecipazione dell’Albania con uno stand dedicato è stata resa possibile grazie alla preziosa collaborazione della Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, l’Ufficio di Rappresentanza della Camera di Commercio di Tirana a Torino, il Centro Studi Herakles & la Missione Archeologica Torinese in Albania, ed il contributo della comunità albanese di Torino.

Programma degli incontri

Giovedì 16 maggio – ore 12.30 – Stand Albania Pad. 3 P02
Inaugurazione dello stand “Albania”

Con la partecipazione dell’Ambasciatore della Repubblica d’Albania in Italia, S.E. prof. Neritan Ceka, presente a Torino anche in qualità di autore di diversi libri dedicati all’archeologia albanese, alcuni dei quali tradotti in lingua italiana.

Giovedì 16 maggio – ore 17.00 – Stand Albania Pad. 3 P02
Incontro con la scrittrice Leoreta Ndoci

L’autrice albanese – già vincitrice del Premio Torino Film Festival del Concorso Lingua Madre – è stata selezionata per l’edizione 2013 di AdaptLab con il suo racconto “Burrnesha”, che sarà sviluppato in un potenziale adattamento per il cinema o la televisione, e presentato al prossimo Torino Film Festival. I racconti di Leoreta Ndoci sono presenti in diverse antologie del Concorso Lingua Madre. Inoltre, la scrittrice ha vinto premi letterari, pubblicato libri e raccolte. Al Salone incontrerà i lettori per parlare della sua esperienza letteraria e della partecipazione al Concorso Lingua Madre. Partecipano: Leoreta Ndoci, Daniela Finocchi,  ideatrice del Concorso letterario nazionale Lingua Madre, Benko Gjata, giornalista e presidente del Centro di Cultura Albanese ed il prof. Neritan Ceka, Ambasciatore della Repubblica d’Albania in Italia.   

Venerdì 17 maggio – ore 19.00 – Stand Albania Pad. 3 P02
Presentazione di “Il Naufragio” – Incontro con l’autore Alessandro Leogrande

Alle 18.57 del 28 marzo 1997 una piccola motovedetta albanese stracarica di immigrati, la Kater i Rades, viene speronata da una corvetta della Marina militare italiana, la Sibilla. In pochi minuti l'imbarcazione cola a picco nel Canale d'Otranto. È la sera del Venerdì Santo. I superstiti sono solo 34, i morti 57, in gran parte donne e bambini, 24 corpi non verranno mai ritrovati. È uno dei peggiori naufragi avvenuti nel Mediterraneo negli ultimi vent'anni. Ma soprattutto è la più grande tragedia del mare prodotta dalle politiche di respingimento. Alessandro Leogrande, ha indagato a lungo sul naufragio del Venerdì Santo e dalla sua inchiesta è nato “Il Naufragio”.

Sabato 18 maggio – ore 18.00 – Stand Albania Pad. 3 P02
Incontro con la scrittrice Anilda Ibrahimi

Ospite d’eccezione dello Stand Albania è la scrittrice Anilda Ibrahimi, autrice, tra l’altro di “Rosso come una sposa”, “L’Amore e gli stracci del tempo” e “Non c’è dolcezza”, pubblicati dalla torinese Einaudi e acclamati dal pubblico e dalla critica.

Sabato 18 maggio – ore 19.00 – Stand Albania Pad. 3 P02
Presentazione del libro “Men che schiavo” e incontro con l’autore Felice Lafranceschina

La difficile condizione dei “bambini-macchine”, vittime dello sviluppo industriale di due secoli or sono, e il fatto che oggi nel mondo ci sono decine di milioni di bambini al lavoro pongono un inquietante interrogativo: perché approfittiamo di questo sfruttamento? Le preoccupazioni dell’oggi chiedono una riflessione storica sul ruolo dei bambini nella rivoluzione industriale del XIX secolo. 

Condividi su:

Volontariato. Quarantamila associazioni in corsa per il 5 per mille

Non è ben integrato. Revocato il titolo di soggiorno.