in

Terza dose vaccino covid: si farà? Secondo uno studio non è necessaria

Roma, 4 ottobre 2021 – Sarà necessaria la terza dose di vaccino anti covid? Secondo uno studio del Laboratorio di Neuroimmunologia dell’ospedale San Lucia IRCCS di Roma, la risposta è no. La seconda dose, infatti, riesce a produrre non solo la risposta anticorpale, ma fornisce anche la memoria immunologica capace di proteggere a lungo termine la persona.

terza dose vaccino anti covid

Terza dose vaccino covid: si farà? Lo studio

Lo studio conferma la presenza di linfociti T della memoria per almeno sei mesi dalla prima dose del vaccino. E comprova lo sviluppo di una risposta cellulare che si mantiene nel tempo. Proprio per questo, a parte in alcuni casi specifici, gli studiosi sostengono che “la terza dose del vaccino potrebbe non essere necessaria” nei soggetti sani. L’analisi è stata condotta su 71 soggetti. Ha valutato la risposta del vaccino Pfizer stimolando l’incontro tra il virus e le cellule del sistema immunitario. I risultati sono molto positivi: il vaccino introduce lo sviluppo di cellule della memoria immunologica, oltre a produrre gli anticorpi.

“I nostri dati confermano che già dopo la prima dose si innesca la risposta delle cellule del sistema immunitario. Che da un lato facilitano la produzione degli anticorpi, e dall’altro agiscono direttamente sulle cellule infettate dal virus. L’aspetto importante osservato è che viene generata la memoria immunologica, anche grazie alla presenza delle cosiddette ‘cellule staminali della memoria’, ossia un bacino di cellule longeve e specifiche per il coronavirus che possono rapidamente espandersi per contenere l’infezione. Analogamente agli altri vaccini la presenza della memoria immunologica potrebbe durare diversi anni, confermando da una parte l’efficacia della protezione del vaccino e dall’altra la necessità di effettuare un’eventuale terza dose solo a soggetti immunodepressi, come indicato dal CTS”, ha spiegato Giovanna Borsellino, neuroimmunologa e direttrice del laboratorio di Neuroimmunologia dell’ospedale romano.

>> Tutte le notizie di Stranieri in Italia

Clicca per votare questo articolo!
[Totale: 0 Media: 0]

Bollettino covid 4 ottobre, per il secondo lunedì i nuovi casi sono meno di 2mila

vaccino covo Italia

Vaccino Pfizer, dopo 6 mesi resta altissima l’efficacia contro il rischio di ricovero legato a tutte le varianti Covid