in

Arriva il tampone rapido anti covid fai da te: presto lo si potrà acquistare nei supermercati

indice rt

Roma, 19 aprile 2021 – Presto sarà possibile acquistare il test rapido per il covid fai da te anche nei supermercati e nelle attività commerciali che decideranno di venderlo. I kit dovrebbero arrivare da maggio, e sembra avranno un prezzo compreso tra i 6 e gli otto euro. In questo modo, si tenterà di accelerare ancora di più il tracciamento dei casi, rendendo possibile effettuare il test direttamente a casa propria.

test rapido covid fai da te

Test rapido covid fai da te presto nei supermercati

Se fino adesso era possibile effettuarlo solamente in farmacia, a partire da maggio si potrà acquistare un test rapido fai da te per il covid anche al supermercato e in altre attività commerciali. Un kit fai da te, che al momento si trovano anche online. Sarà semplicissimo da utilizzare: si effettua un tampone nella regione nasale e dopo circa 15 minuti si rilevano le eventuali mutazioni del virus. Non ha proprio l’affidabilità di un test molecolare, ma sicuramente è uno strumento molto utile per la diagnosi e lo screening di massa. Permette, infatti, con alta attendibilità di individuare le persone positive al covid, anche senza aver sviluppato sintomi.

“Siamo orgogliosi di poter fornire a tutta l’Europa il test per l’autodiagnosi Boson, un prodotto di qualità per contenere e combattere la pandemia”, ha spiegato Moritz Bubik, l’amministratore delegato di Technomed, il gruppo austriaco che ha ottenuto la certificazione CE e avviato la commercializzazione nei mercati europei. Nei giorni scorsi, poi, è stato inserito nell’elenco dei dispositivi medici del ministero della Salute, così da poter essere venduto ovunque. Il brevetto del test rapido per il covid fai da te che verrà venduto nei supermercati, invece, appartiene alla Xiamen Boson Biotech, una società cinese.

>> Tutte le notizie di Stranieri in Italia

Bollettino covid oggi, 19 aprile: cinque regioni registrano zero lutti

Centro Astalli: “Assistiamo ad erosione del diritto d’asilo”