in

Mia Radoi, un’allenatrice romena per portare l’Italia alle Olimpiadi

Cambio in panchina per la Esercito Figh Futura Roma, il team federale di pallamano femminile creato per Rio 2016. “Amo la disciplina, in campo e fuori…”

 

 

Roma – 21 settembre 2015 – Arriva dalla Romania la nuova allenatrice della Esercito Figh Futura Roma, la squadra federale femminile di handball creata per portare l’Italia alle Olimpiadi di Rio 2016. 

Maria Elena “Mia” Radoi, classe 1967, ha alle spalle un’ importante esperienza da giocatrice: 11 Scudetti e 10 Coppe di Romania vinti con la formazione dell’Oltchim Ramnicu Valcea e una City Cup vinta col Silcotub Zalau. Ha giocato anche in Italia, con le maglie di Altamura (2002\2004) e Teramo (2005 e 2014).  

Come allenatrice Mia Radoi ha guidato, dal 2011 a oggi, il progetto giovanile dell’HCM TÖRÖK Râmnicu Vâlcea, oltre ad essere anche vice-allenatrice del Râmnicu Vâlcea. Ora ha sostituito Marco Trespidi sulla panchina della Esercito Figh Futura Roma e ha già iniziato il suo percorso con le atlete sul campo. 

Dopo pochi giorni di allenamento, la nuova allenatrice si esprime così : “Ho trovato una squadra abituata a lavorare forte, ad alta intensità. Non ho dovuto dare particolari indicazioni alle ragazze, che si stanno allenando tutte con grande impegno”. 

“Voglio convincerle da subito – spiega Radoi – che hanno mezzi importanti per esprimersi, anche perché hanno dimostrato da subito voglia di lavorare e di migliorarsi. Questo si nota immediatamente, nonostante siano pochi i giorni trascorsi assieme. Sono un’allenatrice che ama la disciplina, in campo e fuori, e farò di tutto per trasmettere i migliori valori alle giocatrici, assieme a tutta quella che è la mia esperienza maturata in campo”.  

 Sui social centinaia di connazionali le hanno dato il “Benvenuta in Italia”. In bocca al lupo e buon lavoro anche da parte nostra! 

Anna Balea

O romanca, Mia Radoi – noua antrenoare a unei echipe italiene de handbal feminin (Migreat.it)

Condividi su:

Cittadinanza. Duecentoquaranta modi per cambiare la riforma (anche per gli adulti)

Mattarella: “I terroristi sono il vero pericolo, non i migranti”