in

Da oggi con l’app Migreat – Stranieri in Italia consulenze dirette con esperti di immigrazione

Roma, 8 marzo 2021 – Da oggi sull’app Migreat di Stranieri in Italia è disponibile la consulenza in remoto con esperti in materia di immigrazione, cittadinanza e lavoro. Gli utenti, con pochi tocchi sul cellulare, oltre a trovare notizie nei diversi forum, possono da oggi fare richiesta per una consulenza diretta con esperti di immigrazione.

L’app Migreat – Stranieri in italia è uno strumento gratuito disponibile per utenti con dispositivi mobile Android – nato per favorire l’integrazione dei migranti, i nuovi cittadini d’Europa, che sta generando nuovi modi di vivere la solidarietà che vanno oltre la prima accoglienza. L’obiettivo di Migreat è di facilitare il più possibile l’accesso a informazioni di qualità per gli stranieri in Italia attraverso la tecnologia mobile. L’innovazione sociale passa anche attraverso la semplicità con cui i servizi di base è fornita.

La potenzialità della nuova app è notevole: grazie ad essa si possono risolvere problemi molto più stringenti di cercare un luogo di attrazione per passare un pomeriggio in compagnia. Parliamo dell’accoglienza e dell’inserimento dei migranti all’interno del tessuto sociale delle nostre città. Già da qualche anno infatti si è creato un certo interesse nei confronti delle applicazioni che aiutano i migranti ad affrontare le sfide di una nuova vita in un paese che non si conosce. Stranieri in Italia ha raccolto la sfida e ne ha lanciata una nuova, nata dall’esperienza ventennale che la contraddistingue.

“La forza della nuova app Migreat – spiega Victoria Leonhardt, direttrice di Migreat – è che permette di risolvere tematiche quotidiane e concrete prenotando direttamente una consulenza con un esperto direttamente dall’app. Le tecnologie informatiche sono la nuova cosa pubblica: si riparte da qui per cambiare (si spera) la società del presente e del prossimo futuro”.

Reggio Calabria. Lavoratori migranti in alloggi fatiscenti, tre denunce

Covid. Draghi: “Con accelerazione sui vaccini via d’uscita non lontana”