in

Droni italiani sorveglieranno il confine sud della Libia

Il ministro della difesa Mauro firma un accordo con l’omologo Al-Thinni. Previste anche attività di addestramento dei militari

Roma – 29 novembre 2013 – Droni italiani sorveglieranno le frontiere meridionali della Libia e l’Italia formerà i militari del Paese nordafricano.

È quanto prevedono due accordi tecnici siglati ieri mattina a Roma dal ministro della difesa Mario Mauro e dal suo omologo libico Al-Thinni per rafforzare la cooperazione tra i due Paesi.

Un accordo, spiega una nota della Difesa, riguarda “l’impiego di mezzi aerei italiani a pilotaggio remoto in missioni a supporto delle autorità libiche per le attività di controllo del confine sud del Paese”. L’altro riguarda l’addestramento di personale libico”. Potrà essere effettuato in Italia o Libia e “migliorando la sicurezza comune contribuirà alla pace e alla stabilità internazionale”.

Riferendosi alle recenti tragedie nel Mediterraneo, ha espresso la preoccupazione del Paese per la perdita di vite umane e per l’impatto destabilizzante causato dai flussi di immigrazione che attraversano la Libia e i suoi confini: “Confini sicuri e stabili – ha sottolineato – sono indispensabili per una corretta gestione dei flussi migratori e per proteggere i diritti fondamentali degli stessi migranti”.

Nel corso del colloquio è emersa anche la possibilità di imbarcare ufficiali libici a bordo delle unità navali italiane impegnate nell’Operazione “Mare Nostrum”, nonché di avviare corsi di addestramento sull’impiego del V-RMTC (Virtual Maritime Traffic Centre), un rete che collega le Marine di diversi Paesi sulla quale viaggiano informazioni relative al traffico di navi mercantili.
 

Regolarizzazione. 70 mila lavoratori al traguardo

Cittadinanza. Forum Europeo per l’Integrazione: “Dopo 5 anni di residenza”