in

A scuola dopo il terremoto, il dono dei filippini in Italia ai bimbi di Bohol

Due aule per assicurare il diritto all’istruzione. Comunità in prima linea per soccorrere le vittime di disastri naturali

 

 

Roma – 17 settembre 2015 – La comunità filippina a Roma e di tutta Italia, ha realizzato un sogno, la costruzione di una piccola scuola per i ragazzi di Bohol, grazie a diversi concerti di beneficenza e raccolta fondi. 

Il progetto ITA FIL Care, in collaborazione con Philam Fondazione, PACT e Give2Asia e l’associazione ENFiD Italy ha realizzato la costruzione di una piccola scuola in Maribojoc Bohol. 

Ha due aule, cucina e bagno, e assicurerà il diritto all’istruzione per centinaia bambini che avevano perso la speranza di poter studiare dopo il devastante terremoto di 7,3 gradi nelle Filippine nel 2013.

La scuola è stata consegnata all’amministrazione scolastica di Maribojoc qualche giorno fa, con una cerimonia alla quale hanno partecipato Carmencita Ferrera, la rappresentante dell’associazione filippina a Roma e Sally Pedersen, la rappresentante dell’associazione nelle Filippine. 

“C’è ancora molto da fare. Lasciate che lo spirito filippino o ‘Bayanihan’ rimanga in modo che attraverso collaborazione o partnership possiamo continuare a costruire più aule scolastiche per i figli di Bohol. La rete delle comunità può realizzare sogni come questa scuola”, ha detto monsignor Jerry Bitoon, presidente uscente dell’associazione Enfid Italy.

Questo è il secondo progetto di ITA-FIL CARE (Italo-Filipino Concerted Action for Relief, Rescue and Rehabilitation), che mira a costruire particolari aule, in grado di resistere al forte vento del tifone. Infatti, le aule potrebbero servire come rifugio o centro evacuazione durante i disastri naturali. 

L’organismo  è stato creato per rispondere alle emergenza nelle Filippine, che secondo gli esperti ONU sono il terzo paese del mondo con il più alto rischio di disastri naturali, quali tifoni, inondazioni e terremoti.

Con un primo progetto Immediate Relief (“soccorso immediato”) è stato “adottato” un ospedale a Tacloban. Grazie alla raccolta di oltre 12 milioni di euro è stato possibile acquistare attrezzature e medicine delle quali aveva bisogno la struttura dopo il tifone ‘Hayan’ del 2014.

Silid-Paaralan sa Bohol, naisakatuparan ng ENFiD-ITALY (Akoaypilipino.eu)

 

 

Condividi su:

Renzi: “Identifichiamo chi arriva, ma l’Ue pensi anche a rimpatri e redistribuzione”

Nel Tunnel sotto la Manica immigrato muore folgorato