in

Bilinguismo. “Regala a tuo figlio la tua lingua madre”, una guida per i genitori polacchi in Italia

Molti figli di immigrati o di coppie miste spesso conoscono solo la lingua del Paese di residenza. Eppure, sapere due lingue è una marcia in più 

 

 

Roma – 19 novembre 2015 – Tutti vogliamo dare ai nostri figli il meglio. La maggior parte delle coppie miste  e degli immigrati sanno che uno dei più grandi tesori che possono dare ai loro figli è il bilinguismo. L’ eccellente conoscenza di due lingue al livello della lingua madre può essere considerata un vero capitale per il futuro.

Perchè allora molti figli dei immigrati e delle coppie miste conoscono spesso soltanto la lingua del Pease di residenza? Chi è un genitore, sa che non è sempre facile crescere un bambino bilingue. Ecco i tre motivi principali:

Uno dei genitori non parla al figlio nella vita quotidiana nella propria lingua, perchè non vuole che il marito o la moglie siano esclusi dalle conversazione, perchè non capiscono una parola;

Il bambino si rifiuta di parlare nella lingua ereditata da un genitore, poichè la percepisce come “strana”, visto che a parte un genitore nessuno intorno a lui la usa e nessun altro la capisce;

Una coppia vive in un Paese che è straniero per entrambi e quindi per il timore che il bambino avrà problemi di inserimento gli  insegnano soltanto la lingua del posto. 

I genitori polacchi che crescono i loro figli in Italia o in un altro Paese straniero oggi però possono contare su un aiuto concreto da parte di specialisti del bilinguismo.

In Italia (e in altri 11 Paesi) è appena partita la campagna “Regala a tuo figlio la tua lingua madre” (Podaruj dziecku swój język ojczyst), un progetto promosso da alcune associazioni polacche e cofinanziato dal governo di Varsavia. Viene promosso anche da Nasz  Świat  e Migreat.it  – due portali-fratelli per i polacchi in Italia – da sempre impegnati nel sostegno ai bambini bilingue e ai loro genitori.

Il primo strumento utile per i genitori è una guida pratica che spiega come mettere la teoria in pratica, ovvero come risolvere i  problemi quotidiani di un genitore del bambino blingue.  È intitolata “Bilinguismo, domande e risposte” (Dwujęzyczność w pytaniach i odpowiedziach) ed è scaricabile in formato PDF dal sito della campagna o è disponibile in versione cartacea presso le sedi dei consolati e delle associazioni polacche. 

L’autrice  della guida è Anna Martowicz , dottore di ricerca esperta in bilinguismo, membro di numerose organizazioni internazionali e nella vita privata mamma di Zosia (5 anni) nata è cresciuta in Scozia. Sul sito Podarujdzieckujezyk.org sono disponibili anche altre guide pratiche per i genitori polacchi che crescono i loro figli all’estero e presto ne verranno pubblicate altre.  

Danuta Wojtaszczyk

Wychowujesz dziecko poza Polską? Ukazał się poradnik, który musisz znać (Migreat.it)

 

Condividi su:

Colf, badanti e babysitter. “Dedurre tutti i costi? Si può fare”

Migranti, Norvegia pronta a inasprire la politica di asilo