in

Filippini in festa per il giorno dell’Indipendenza, “nuove sfide”

Celebrazioni in tutto il mondo per il 117esimo anniversario. Migliaia in piazza a Roma, tra discorsi, parate, danze, canti e anche una lotteria

 
Roma – 17 giugno 2015 – “Il cambiamento è iniziato, siamo vicini al traguardo”. Questo è il tema del 117 ° anniversario dell'Indipendenza delle Filippine che ogni filippino in ogni angolo del mondo celebra ogni mese di giugno. È successo anche a Roma domenica scorsa. 
 
Il nuovo Ambasciatore in Italia, Domingo Nolasco e l’Ambasciatrice presso SanteSede, Mercedes Tuazon, insieme ai Cavalieri di Riza  e ai gruppi di Guardians hanno aperto la celebrazione, offrendo una corona al monumento di Dr. Jose Rizal a Piazza Manila. Poi, nonostante il meteo avverso, quasi cinquemila filippini si sono radunati in piazza Ankara, dove si svolge l’evento ormai da otto anni. 
 
E’ stato letto anche il messaggio del presidente della Repubblica della Filipiine Benigno Aquino dal Console Generale Leila Lora Santos.
 
"Centodiciassette anni sono passati da quando è stata dichiarata la nostra indipendenza; Possiamo ora dire che siamo liberi dai vincoli dei conquistator istranieri. Nonostante questo, vi è la nuova sfida per combattere la corruzione e la povertà nel paese. Come i nostri eroi hanno raggiunto l'indipendenza anche noi possiamo sopravvivere alle sfide che abbiamo di fronte oggi".
 
Una delle caratteristiche della manifestazione annuale una colorata e gioiosa parata dove la maggior parte dei partecipanti indossano abiti ‘Filipiniana’ o abiti tradizonali che rappresentano le regioni hanno dato origine alle Filippine. Quest’anno hanno partecipato circa un migliaio di persone.
 
Subito dopo c’è stata una rappresentazione culturale, con  i canti e le danze tradizionali filippine. I giovani di seconda generazione membri di varie associazioni e gruppi hanno dimostrato il loro talento nella danza, sia moderna che tradizionale, in canzone classiche e rap, e sono stati ammirati dagli spettatori anche sotto la pioggia leggera. 
 
Inoltre, più di 200 gazebo sono stati costruiti su tutta la piazza, dove si trovano tanti cibi e bevande come halo-halo, pansit, adobo,lechon etc..  che non si trovano facilmente a Roma,  oltre a diversi prodotti filippini. 
 
Quest’anno sono stati messi in palio anche 10 biglietti aerei Roma-Manila-Roma, 3 tour in Europa e altri 16 premi. I vincitori sono stati commossi e molto contenti per i premi ricevuti. 
 
Prima della chiusura della festa un famoso cantante-attore dalle Filippine, Aaron Villaflor, ha cantato e ballato insieme ai tanti filippini sulla piazza. "Continuiamo a valorizzare la libertà e l’indipendenza che abbiamo conquistato e torniamo a celebrare questo giorno anche nei prossimi anni", ha concluso Auggie Cruz, il presidente della Philippine Independence Day Association, che organizza annualmente la celebrazione.
 
Mabuhay!
 
Akoaypilino.eu
 
 

Immigrati. De Poli (Udc): “Ok quote ma rivedere anche Dublino”

Salvini contro il Papa: “Quanti rifugiati ci sono in Vaticano?”