in

Il Sistema delle Orchestre e dei Cori infantili e giovanili del Venezuela trionfa a Milano

Creato nel 1974 per aiutare i ragazzi più svantaggiati, in occasione dell’Expo ha conquistato il pubblico alla Scala e a Parco Sempione. Fino al 4 settembre

Milano – 2 settembre 2015 – Il Sistema Nazionale di Orchestre e Cori Giovanili e Infantili dal Venezuela, El Sistema, sta ripetendo a Milano la storica impresa fatta nel 2013 durante il Festival di Salisburgo in Austria: presentare più di 1000 bambini e giovani promesse venezuelane con una programmazione che include oltre 20 concerti.

#ElSistemaenMilán è parte della programmazione speciale per l’Expo del Teatro alla Scala, che per la prima volta offre a una paese Latinoamericano una residenza artistica di questa grandezza, con  8 recite de La Boheme e 12 concerti fino al 4 settembre. Non solo: l’iniziativa si sta anche sviluppando con concerti gratuiti al Parco Sempione e nella Chiesa di San Marco. 

Questo 19 agosto, per la prima volta dal 1963, un’orchestra e un coro che non sono della Scala hanno accompagnato La Bohème di Giacomo Puccini. I membri del Coro Nazionale Giovanile del Venezuela Simon Bolivar, che hanno affrontato questa sfida insieme all’Orchestra Sinfonica Simón Bolívar del Venezuela, sono stati guidati dal maestro Gustavo Dudamel e hanno conquistato il pubblico milanese. 

Il 21 agosto, l’Orchestra Sinfonica Nazionale Infantile del Venezuela – SNIV (bambini tra 8 e 12 anni) ha debuttato alla Scala con un incredibile concerto. “Non ho parole per descrivere quello che ho sentito sul palco, quando i bambini sono riusciti ad interpretare con precisione l’opera di Stravisky. Dentro di me pensavo: non posso credere quello che stiamo facendo”, parole di Jesús Parra, giovane venezuelano che ha diretto il concerto insieme al maestro Gustavo Dudamel.

Tra applausi e grida di esclamazioni “bravi” il maestro Dudamel ha diretto la Sinfonia Nº4 di Tchaikovsky per poi cedere il testimone a Josè Luis Alvary, percussionista de la SNIV, che ha diretto la Overture di Guillermo Tell, diventando il direttore più giovane al Teatro alla Scala.

#ElSistemaenMilán si è anche presentato gratuitamente in tre occasioni nel “Teatro Continuo” di Burri a cielo aperto del Parco Sempione, un spazio culturale che forma parte delle presentazioni in programma della ExpoMilano2015 fuori il recinto della fiera. 

Le giovani generazioni del sistema sono stati in grado di alzare il nome del Venezuela e dell’ America Latina durante il tour italiano, debuttando a livello internazionale e facendo la storia della musica.

EL SISTEMA

È una metodologia pedagogico-musicale rivolta a giovani e giovanissimi appartenenti alle classi sociali svantaggiate, nato in Venezuela nel 1975 dalla mente di José Antonio Abreu, e che nel giro di qualche decade ha raggiunto risultati a dir poco sorprendenti. 

La “versione italiana” del Sistema, annunciata da Claudio Abbado nel 2010, è una realtà operativa ampiamente attiva con 45 nuclei distribuiti in 14 regioni, il tutto grazie alla perseveranza e alla lungimiranza del maestro Abbado che, anzitempo, è andato in Venezuela a conoscere Abreu e il suo Sistema. Ad oggi sono ventisette i paesi europei che già ospitano El Sistema venezuelano e che danno così la possibilità a giovani e giovanissimi in condizioni svantaggiate di avvicinarsi alla musica e di utilizzarla come strumento di riscatto ed emancipazione. 

#ElSistemaenMilán: Las Orquestas Sinfónicas Infantil y Juvenil de Venezuela deslumbra al público de Milán (Expresolatino.net)

Condividi su:

Consiglio Italiano per i Rifugiati, Fiorella Rathaus è la nuova direttrice

Intensificati i controlli al Brennero per fermare i profughi che lasciano l’Italia