in

Mark & Mark e la web serie per imparare a cucinare divertendosi

Parte Rice N Grain, dedicata allo street food con un cuoco e un attore di origini filippine. “La cucina è un linguaggio universale”

 

 

Roma – 3 novembre 2015  – Mark Nallos fa il cuoco nei ristoranti e soprattutto agli eventi. È il primo asiatico, in particolare il primo filippino, ad essere entrato ad appena 21 anni nella guida “Gambero Rosso”, dietro ai fornelli di un ristorante nel centro di Roma.

Dopo aver lanciato un blog culinario, ora sta per esordire nella webserie “Rice N Grain” dedicata allo street food, insieme all’attore Mark Manaloto, anche lui di origini filippine. Inizierà il 7 novembre sull’omonimo canale Youtube, dove la gang di ‘Rice N Grain’ (Mark & Mark, ma anche Bhoss, Marissa e Rodney) andrà online ogni sabato con una nuova puntata. 

Cosa vi ha spinto a fare questa scelta? 

“Questa scelta è nata studiando la cultura filippina. Possiamo dire che lo street food è proprio nelle radici della nostra cultura, che ha cibi semplici e veloci, ma vogliamo proporlo mettendo un pizzico di idee in più. Vogliamo far conoscere la cultura filippina ai ragazzi che sono nati in Italia e ad altre nazionalità in modo simpatico, così che possano imparare a cucinare divertendosi,  guardando i nostri video.  Ho voluto continuare l’esperienza del blog con qualcosa di nuovo per intrattenere le persone, la cucina è una lingua internazionale che unisce tutti”. 

Cosa vi aspettate? 

“Prima di tutto, che la gente oltre a guardarci e seguirci, impari qualche ricettina, magari con qualche risatina. Oltre a questo, ci aspettiamo che molti, italiani e non, guardino i nostri video per conoscere di più la nostra cultura. Avremo anche ospiti che sono diventati famosi attraverso il web come Isabella detta Himeko, che con la sua passione per il Giappone ha creato un suo blog attualmente molto conosciuto; Christian Selaci, uno youtuber e Thajack, un rapper filippino e tante altri ospiti a sorpresa.” 

Diteci qualcosa sulle puntate. Che cosa si possono aspettare i vostri spettatori? 

“Non volevamo rendere le nostre puntate monotone e noiose come tutti I programmi di cucina. Spero che lasceremo le nostre ricette con il nostro tocco personale e quel pizzico di humor che non guasta mai. Vogliamo solo chiedere di dedicarci il sabato quei pochi minuti per vederci sul nostro canale e vedere inoltre quanta anima e cuore mettiamo in quello che crediamo. Credo che in questo mondo pieno di problemi e crisi, quei minuti vi faranno dimenticare i problemi e vi strapperanno una risata. Vogliamo inoltre crescere con chi ci segue dallo schermo ascoltandone i commenti su youtube oppure sulle nostre pagine FB e Twitter.” 

Pia Gonzalez-Abucay

 

 

 

Condividi su:

80 mila italiani albanesi. Meno “immigrati”, ma la comunità cresce

Frontex: 800.000 ingressi illegali in Ue nel 2015