in

E il candidato leghista fu travolto dal cartellone anti immigrati

Curioso contrappasso per Angelo Ciocca, lo stesso dell’appello multilingue. Guarda il video

Roma – 20 maggio 2014 – Angelo Ciocca, come molti colleghi leghisti, ha sempre in testa gli immigrati. A volte un po’ troppo letteralmente.

L’aspirante eurodeputato ha già fatto parlare di sé con l’appello multilingue per far rimanere gli stranieri a casa loro. Ora se la prende con l’Operazione Mare Nostrum, dove “i soldi degli italiani vengono spesi per i clandestini”.

Il cartellone in cui Ciocca illustra la sua tesi, però, gli finisce tra capo e collo…

Condividi su:

Alunni stranieri. Il ministero (non la legge) chiede il permesso di soggiorno

Furfaro (Sel): “Cittadini si nasce, come Amin. In Italia e in Europa”