in

Attacco razzista in Inghilterra, donna incinta picchiata perde bambino

Prima gli insulti in un supermercato, poi le botte. Ancora ricercato l’aggressore, la polizia diffonde la foto

 

Roma, 14 settembre 2016 – La polizia britannica ha annunciato di essere alla ricerca di un uomo in relazione a un attacco razzista avvenuto in un supermercato, nel quale una donna incinta di 34 anni ha perso il bambino. I fatti sono accaduti il 6 agosto, la sera alle 21.40 locali, in un supermercato a Bletchey, in Inghilterra centrale.

La donna, che stava tranquillamente facendo la spesa, e’ stata avvicinata da un uomo che ha iniziato a lanciarle offese razziste. Non contento, l’aggressore ha seguito la donna che – secondo quanto ha ricostruito la polizia di Thames Valley – non ha fatto nulla per provocare la furia dell’uomo, e ha cominciato a prenderla a calci sul torso. In seguito all’aggressione, la donna ha perso il bambino.

Un 40enne, intervenuto a difesa della donna, inoltre, e’ stato colpito alla testa con una bottiglia. “E’ stato un attacco razzista che ha avuto conseguenze assolutamente devastanti per la vittima, la quale ha perso il suo bambino in conseguenza dell’attacco. I nostri pensieri vanno a lei e alla sua famiglia, in questo momento incredibilmente difficile e triste”, ha commentato l’ufficiale di polizia che sta indagando, Richard Armitage.

La polizia ha diffuso anche la fotografia, tratta dalle telecamere a circuito chiuso, dell’uomo. In Gran Bretagna e’ stato registrato, a cavallo del cruciale voto sulla Brexit la cui campagna e’ stata incentrata soprattutto sul tema dell’immigrazione, un picco di attacchi razzisti.

Lituania: certificati stato civile rilasciati dal Consolato

Mattarella: “Crisi epocale, serve azione coordinata Ue”