in

Lavoratori croati. Stop alle restrizioni, assunzioni libere. La circolare

I ministeri del lavoro e dell’Interno confermano la decisione del governo. “Le limitazioni devono ritenersi decadute”

 
Roma – 6 luglio 2015 – Basta restrizioni per i lavoratori croati. Ormai possono essere assunti al pari di tutti gli altri cittadini europei. 
 
La Commissione Europea aveva già annunciato qualche giorno fa la decisione del governo italiano di non prolungare le misure che hanno reso i croati dei lavoratori comunitari di serie B. Adesso arriva anche la conferma, con una circolare congiunta dei ministeri dell’Interno e del Lavoro. 
 
È stata diramata il 3 luglio e ha per oggetto il “regime transitorio dei lavoratori croati al lavoro subordinato in Italia”. “L’Italia – spiega – ha deciso di non prorogare, oltre la scadenza del 30 giugno 2015, il regime transitorio, relativamente alle limitazioni per l’accesso al mercato del lavoro nei confronti dei lavoratori subordinati della Croazia”. 
 
Questo significa che “dal 1 luglio di quest’anno, per effetto del meccanismo automatico previsto dal Trattato di adesione all’Unione Europea” della Croazia, “le limitazioni all’accesso al lavoro nei settori produttivi per i quali operava la restrizione devono ritenersi decadute”. 
 
 

“Più occupazione e inclusione”, accordo tra governo romeno e sindacati italiani

“Droni, elicotteri e una portaerei. L’Italia contro i nuovi schiavisti”