in

Ho chiesto la cittadinanza, diventeranno italiani anche i miei figli?

Salve, oggi ho presentato la domanda di cittadinanza. Ho una figlia di 16 anni e un figlio di 9. Quando la mia domanda verrà accettata, anche loro diventeranno italiani?

 

5 maggio 2016 – Quando si compila la domanda di cittadinanza, si dichiara anche la composizione del nucleo familiare effettivamente convivente con il richiedente. Il fatto che anche i figli possano diventare italiani insieme al genitore dipende però dai tempi di trattazione della pratica. Sono infatti automaticamente italiani solo i figli ancora minorenni di chi diventa a sua volta italiano. 

Innanzitutto bisogna specificare che si diventa cittadino italiano solo il giorno successivo al giuramento di fedeltà e non prima. Quindi anche se il decreto di concessione della cittadinanza italiana arriva, ma il richiedente non presta giuramento entro 6 mesi dalla notifica del decreto, egli non è ancora cittadino italiano.

Per cui i figli minorenni conviventi nel territorio italiano diventano italiani assieme al genitore il giorno dopo il giuramento. È quello il termine entro cui i  figli non devono aver compiuto 18 anni, non il momento in cui si presenta la domanda oppure quando arriva il decreto di concessione.

Diverso è il caso dei figli presenti nel nucleo familiare, regolarmente dichiarati al momento della presentazione della domanda, che diventano maggiorenni prima che si verifichi l’adempimento del giuramento. Infatti, in queste circostanze, i figli maggiorenni non diventano cittadini italiani insieme al genitore. 

Tuttavia loro possono richiedere la cittadinanza italiana dopo 5 anni di residenza sul territorio italiano, periodo che si calcola dal giorno successivo in cui il genitore ha prestato giuramento. Nella fattispecie la domanda si presenta con gli stessi requisiti di reddito della richiesta di cittadinanza italiana per motivi di residenza ai sensi dell’art. 9 della Legge 91/92.

 

D.ssa Maria Elena Arguello

 

Condividi su:

Permesso di soggiorno a Madicke Sow, l’eroe della metro

“Con il velo non puoi lavorare”, condannata l’azienda per discriminazione