in

Sono un cittadino straniero e ho perso il lavoro. Posso iscrivermi al centro per l’impiego? Come funziona? L’esperto risponde

Roma, 30 maggio 2022 – Sì, tutti i cittadini stranieri regolarmente presenti in Italia, sia comunitari che extra-comunitari, in caso di perdita del lavoro possono iscriversi ai centri per l’impiego, a parità di trattamento con i cittadini italiani.

Il regolamento di attuazione del Testo Unico Immigrazione infatti, all’art. 37 prevede espressamente, in caso di licenziamento di un lavoratore straniero:

  • che il datore di lavoro ne dia comunicazione entro 5 giorni allo Sportello Unico Immigrazione (Prefettura) e al Centro per l’Impiego;
  • che il lavoratore, se intende far conoscere il proprio stato di disoccupazione, può iscriversi al centro per l’impiego entro 40 giorni dal licenziamento e prestare la “dichiarazione di immediata disponibilità” all’assunzione.

Perché iscriversi al centro per l’impiego e come funziona

Con l’iscrizione al centro per l’impiego il cittadino straniero, come ogni altro cittadino, potrà accedere alle prestazioni riconosciute in caso di disoccupazione (Naspi) e reperire altra attività lavorativa quando abbia perso il lavoro, sia priva di occupazione o anche solo voglia cambiarlo, mediante l’inserimento in una banca dati.

Nel caso di perdita del lavoro, perché risulti il proprio stato di disoccupazione occorre:

  • presentare al centro per l’impiego competente per territorio la dichiarazione di immediata disponibilità all’assunzione (DID);
  • registrarsi in una banca dati tenuta dal centro per l’impiego, in cui verrà quindi inserito il proprio profilo professionale al fine di aiutare nella ricerca e nel reperimento di un lavoro;
  • verrà successivamente proposto al lavoratore un “patto di servizio”, ovvero un accordo con cui il richiedente si impegna a partecipare alle iniziative mirate per la ricerca del lavoro (formazione, preparazione di un colloquio, accettazione di eventuali offerte che siano in linea con il proprio profilo professionale).

Entro che termine è possibile iscriversi se si è stranieri e per quanto tempo

Il cittadino straniero, se intende far conoscere lo stato disoccupazione, dovrà farlo entro 40 giorni rendendo due dichiarazioni: la prima attestante l’attività lavorativa svolta fino ad allora, la seconda relativa alla propria disponibilità all’immediata assunzione (DID).

Tuttavia è importante sapere che l’iscrizione al Centro per l’impiego avrà durata fino alla scadenza del permesso di soggiorno, se a tempo determinato, o comunque per un periodo complessivo non inferiore ad un anno.

Infatti, in caso di scadenza del titolo di soggiorno prima di aver reperito altro impiego il cittadino straniero può ottenere – essendo iscritto al centro per l’impiego – un permesso per attesa occupazione, con cui eventualmente potrà firmare eventuali contratti di lavoro e quindi poi richiedere il rinnovo del proprio permesso.

Articolo realizzato per Stranieri in Italia da: Federica Merlo, avvocato

Clicca per votare questo articolo!
[Totale: 5 Media: 4.2]

Bonus psicologo, Speranza ha firmato il decreto: come funziona e come richiederlo

Lavoro. Lamorgese: “Necessario spendere tutte le nostre energie per contrastare il caporalato”