in

L’arte di Nicoleta, pennello e colori per case da favola

Una giovane romena è decoratrice e interior stylist a Milano e dintorni. Dalla cameretta alla cucina, ogni parete può diventare un capolavoro

 

Milano – 30 novembre 2015 – Nicoleta Iftene, una ragazza di origini romene, in Italia ha trasformato in lavoro la sua passione: rendere più belle le case degli altri .  

Dopo tanti anni di studio in Romania, dove ha frequentato il liceo d’arte e l’università di design, il destino l’ha portata a Milano. Qui dopo tanto lavoro e altri corsi di interior design riesce finalmente a mettere in piedi il business della sua vita. Cosi inizia a lavorare come decoratrice e interior stylist a Milano e dintorni. 

Decorazioni? Interior stylist? Si, Nicoleta praticamente va a casa dei suoi clienti e anche in un solo giorno è capace di dipingere un intero muro, dalla camera dei bambini, al salotto o alla cucina. Usa dei colori a base d’acqua e dipinge tutto a mano, con risultati veramente da favola.

La maggior parte delle richieste riguarda proprio le  camerette, che Nicoletta dipinge con colori pastello perfettamente adatti sia per i neonati che per i primi anni di infanzia. Decorazioni con alberi, animaletti o a tema, semplici ma di buon gusto. Lo dice lei, e lo diciamo tutti guardando le foto caricate sulla sua pagina Facebook Pareti decorate a mano dove si trova parte dei suoi capolavori.

Ora che si avvicina il Natale, Nicoleta propone le sue opere come “regalo inedito”. “Una decorazione per la cucina della migliore amica non sarebbe male, oppure degli animaletti  per la cameretta dei nipotini…” suggerisce. Un’alternativa, insomma, alle “migliaia di regali presenti nei mercatini, nelle boutique, nei negozi più chic o su internet, dove a furia di cercare avete perso l’ispirazione”.

Anna Balea

Picturi pe pereti & Interior styling create de Nicoleta Iftene, o romanca la Milano (Migreat.it)

 

pittura murale cameretta

 

nicoleta iftene pictand peretii unei camere

Condividi su:

Islam e immigrazione. “Basta banalità o pregiudizi, la Rai faccia vera informazione”

Profughi. Boldrini: “Nessun Paese può chiamarsi fuori, assistere e accogliere”