in

Luba Stupko: “La mia carriera da imprenditrice socialmente utile”

Ha iniziato come lavoratrice domestica, oggi guida una ditta di trasporti molto particolare. "Ho deciso di cambiare vita"

Roma – 11 marzo 2015 – Cosa vi viene in mente pensando ad una donna al volante? Luba Stupko, una donna ucraina che  con la sua bravura convincerebbe qualsiasi scettico.

Luba Stupko è una donna con la forza straordinaria, dopo che è arrivata in Italia 15 anni fa, non si è accontentata di lavori manuali ma si è costruita da sola, studiando mediazione interculturale, lavorando come una traduttrice e grafologa. Dal 2012 ha fondato una ditta di trasporti "socialmente utili".

“I primi tempi in Italia sono stati i peggiori – racconta Stupko a Gazataukrainska.com – Dopo due anni di duro lavoro presso le famiglie italiane, ho deciso di cambiare vita e studiare per poter avere un lavoro che mi desse maggiori sodisfazioni”.  Le difficoltà della vita non la spaventavano: ha legalizzato la sua laurea in lingue presa in Ucraina, si è diplomata in traduzioni e grafologia in Italia e ha cominciato a svolgere attività intelettuale.

"Nel 2010 per caso mi è capitato di leggere un annuncio in cui si cercava una buona idea imprenditoriale. Ho presentato un progetto nel campo turistico e per il trasporto di anziani e persone con disabilità, è stato approvato e  questo mi ha dato più forza per credere in futuro”  dice orgogliosa.

Da qualche anno Stupko ha una ditta che offre servizi al comune di Marino,  vicino a Roma. Guida un autobus che trasposporta le persone con bisogni particolari a scuola o presso le strutture sanitarie per le cure. Nel periodo estivo offre servizi ai turisti. Oltre a questo, la donna è attiva nella comunità ucraina di Roma che ultimamente si occupa di volontariato ed aiuti umanitari alle persone colpite dal conflitto all’Est dell’Ucraina.

Marianna Soronevych

Leggi anche:
Люба Ступко: "Я з України ніколи не виїжджала, вона в мені" (Gazetaukrainska.com)

 

Condividi su:

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 12 gennaio 2015, n. 21

“Non affittiamo ai musulmani”, porte chiuse per Rassmea e Ilias