in

Imprese etniche a quota 263mila, marocchini e cinesi al top

Gli imprenditori stranieri rappresentano il 7,8% del totale Roma, 3 gennaio 2011 – Aumentano ancora le imprese individuali guidate da cittadini extracomunitari, con i marocchini e i cinesi a trainare la crescita. Nei primi nove mesi del 2010 – secondo i dati di Infocamere – le aziende con titolare straniero sono salite a quota 262.934, con un +4,5% rispetto alla fine dell’anno scorso (251.562). Nello stesso periodo, invece, tutte le imprese individuali in Italia si sono ridotte di 2.287 unità.

Gli imprenditori stranieri rappresentano il 7,8% del totale (3.373.513), il settore principale di attività è il commercio e il 18,4% è concentrato in Lombardia. E per un’impresa su cinque (il 20,1%) il titolare è una donna: nei primi nove mesi dell’anno scorso, le aziende al femminile hanno superato quota 50mila (52.932), con un incremento del 6,5%. I più numerosi tra gli imprenditori extracomunitari sono i marocchini, una delle comunità da più tempo in Italia: sono 49.958 (+4%) e le regioni in cui sono più presenti sono il Piemonte (6.840) e la Lombardia (6.673). Subito dopo ci sono i cinesi, in totale 36.788 (+6,3%), diffusi su tutto il territorio e soprattutto in Toscana (8.086) e Lombardia (6.702).

Rilevante, secondo i dati di Infocamere, anche il numero di imprese individuali albanesi (28.330), di cui 5.484 solo in Toscana.

Condividi su:

Flussi 2010. Sbai (Pdl): “Privilegiare chi è già in Italia”

La Grecia vuole chiudere la frontiera con la Turchia