in

Renzi: “Fieri di aver salvato 80 mila vite, ma nel Mediterraneo il mondo non ci lasci soli”

Il premier all'Onu ricorda i risultati di Mare Nostrum. "L'intervento nel Mediterraneo è strategico per la comunità internazionale, non può essere lasciato soltanto a una singola forza"

New York – 26 settembre 2014 – L'Italia è fiera di aver salvato decine di migliaia di persone con l'operazione Mare Nostrum, ma nel Mediterraneo non può fare tutto da sola, serve l' intervento di tutta la comunità internazionale.

È il messaggio lanciato ieri al mondo dal presidente del Cnsiglio Italiana Matteo Renzi, nel suo intervento all'assemblea generale dell'Onu a New York.

“L'Italia,  che ha regalato al mondo l'immagine della città e della piazza intesa come aggregazione aperta alla comunità,  non può tacere oggi la trasformazione del Mediterraneo che dovrebbe essere il cuore dell'Europa, che dovrebbe essere la piazza del dialogo e del confronto e che troppo spesso si trasforma in un cimitero”.

“Mi presento in questa assemblea  – ha ricordato Renzi – un anno dopo che il governo italiano ha lanciato un'importante operazione chiamata Mare Nostrum. Potendo dire che le donne e gli uomini della marina italiana e del volontariato italiano hanno salvato ottantamila vite umane. Ottantamila persone che potranno diventare medici, musicisti, operai. Ottantamila persone che sono state strappate dal mediteranno come cimitero grazie  a un'operazione che rivendichiamo, ma che non può essere lasciata oggi soltanto all'Italia”.

“Abbiamo bisogno di dire con forza – ha sottolineato il premier – che l'intervento nell'area del Mediterraneo è un intervento strategico per la comunità internazionale, che non può essere lasciato soltanto a una singola forza. La priorità di quell'area oggi è la Libia, che sta vivendo la sofferenza di una stagione di transizione che sembra non finire mai. L'Italia farà la sua parte, ma la situazione in Libia deve essere priorità di tutti”.

Condividi su:

Chaouki (Pd): “Alfano riconsideri ipotesi 30 euro a famiglie”

Unhcr: “Da inizio anno 130mila immigrati giunti in Europa, 3mila i morti”