in

“Misericordia e accoglienza per migranti e rifugiati”, l’appello di papa Francesco

“Accogliere i forestieri”. Scelto il tema della 102ma giornata mondiale  del Migrante e del Rifugiato, che cadrà durante il Giubileo

 

Roma – 20 agosto 2015 – L’arrivo di migranti e rifugiati non può lasciare indifferenti le coscienze. Accoglierli è un dovere per tutti i cristiani, a maggior ragione durante il Giubileo.   

Si può leggere così il tema scelto da Papa Francesco per la 102.ma Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, che si celebrerà il prossimo 17 gennaio 2016: Migranti e rifugiati ci interpellano. La risposta del Vangelo della misericordia.  È un tema, sottolinea in una nota il  Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti, che si inserisce logicamente nel contesto dell’Anno della Misericordia che si svolgerà tra l’8 dicembre 2015 e il 20 novembre 2016.

 “Con la prima parte del tema, “Migranti e rifugiati ci interpellano”, si vuole fare presente la drammatica situazione di tanti uomini e donne, costretti ad abbandonare le proprie terre. Non si devono dimenticare, per esempio, le attuali tragedie del mare che hanno per vittime i migranti. Di fronte al rischio evidente che questo fenomeno sia dimenticato, il Santo Padre presenta il dramma dei migranti e rifugiati come una realtà che ci deve interpellare”. 

Nella bolla Misericordiae vultus, con la quale Francesco ha indetto il Giubileo, si legge: “Non cadiamo nell’indifferenza che umilia, nell’abitudinarietà che anestetizza l’animo e impedisce di scoprire la novità, nel cinismo che distrugge. Apriamo i nostri occhi per guardare le miserie del mondo, le ferite di tanti fratelli e sorelle privati della dignità, e sentiamoci provocati ad ascoltare il loro grido di aiuto […]. Che il loro grido diventi il nostro e insieme possiamo spezzare la barriera di indifferenza che spesso regna sovrana per nascondere l’ipocrisia e l’egoismo”. 

“Con la seconda parte del tema, ‘La risposta del Vangelo della misericordia’, si vuole collegare in modo esplicito il fenomeno della migrazione con la risposta del mondo e, in particolare, della Chiesa” aggiunge il Ponticifio Consiglio. “In questo contesto, il Santo Padre invita al popolo cristiano a riflettere durante il Giubileo sulle opere di misericordia corporale e spirituale, tra cui si trova quella di accogliere i forestieri. E questo senza dimenticare che Cristo stesso è presente tra i ‘più piccoli’“.

 

Un ponte tra l’Italia e le Filippine, la festa dei Lemerenians in Rome

Anija, la nave, di Roland Sejko (Rai 5, 21 agosto 2015 alle 21:15)