in

Insulti e detergente contro una ragazza colombiana: “Vai via da qui, porti malattie”

Roma, 2 aprile 2021- L’ennesimo episodio di razzismo: questa volta è successo a Lecce, e le protagoniste sono una ragazza colombiana di 26 anni e la commessa di una cartoleria. “Vai via da qui, sei una prostituta e ti devi allontanare, con le malattie che porti qua“, le ha detto la donna dopo che la giovane aveva chiesto di inviare dei soldi alla propria famiglia in Colombia.

razzismo

Razzismo, le parole della commessa alla ragazza colombiana

Come riporta Repubblica, che ha pubblicato il video dell’episodio di razzismo, la ragazza colombiana di 26 anni si era recata in una cartoleria di Leverano, in provincia di Lecce, per inviare del denaro ai propri familiari che risiedono in Colombia tramite un servizio fornito dal negozio, MoneyGram. Il commento della commessa nei suoi confronti è arrivato come una doccia fredda: “Vai via da qui, sei una prostituta e ti devi allontanare. Con le malattie che porti“, le ha detto spruzzando verso di lei un detergente per vetri. “Ritengo che questo episodio sia estremamente grave. Non solo perché sono stata aggredita ingiustamente dalla commessa del negozio, ma soprattutto per le gravi offese che mi sono state rivolte“, ha dichiarato poi la giovane vittima.

Sono stata discriminata in quanto colombiana e perché, secondo la commessa, i miei soldi provenivano dall’attività di prostituta. Mi sono sentita fortemente umiliata, anche perché io guadagno onestamente i miei soldi e lavoro per una cooperativa”. A causa del detergente, tra l’altro, la ragazza si è dovuta recare in ospedale per curare una forte irritazione agli occhi. Ora, tramite il suo legale, ha depositato una denuncia-querela nei confronti della commessa. Si ipotizzano reati di lesione e violenza privata, con l’aggravante in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa.

>> Tutte le notizie di Stranieri in Italia

bollettino covid oggi 2 aprile

Bollettino covid oggi 2 aprile, Rezza: “La situazione è in leggero miglioramento”

Tradizioni pasquali nei paesi dell’America Latina: come si celebrano?