in

Rio 2016, Obama: noi nazione d’immigrati, è la nostra forza

Roma, 8 agosto 2016 – Gli Stati uniti sono una nazione d’immigrati, che deve la sua forza alla diversita’. Questo anche sul piano sportivo. Il presidente Usa Barack Obama ha voluto ricordare questo fatto, esortando gli americani a unirsi dietro gli atleti che partecipano ai Giochi olimpici di Rio.<br><br>

Parlando alla radio, Obama ha fatto appello alla “competizione pacifica e allo spirito sportivo” e ha sottolineato: “La squadra degli Stati uniti ci ricorda che il paese ha sempre avuto un punto di riferimento assoluto: noi siamo una nazione d’immigrati che basa la sua forza nellla diversita’ ed e’ unita da una fierezza nazionale”. Obama ha anche evidenziato che la delegazione americana comprende “il piu’ gran numero di donne che abbiano mai concorso ai giochi olimpici” cosi’ come atleti “quasi della mia eta’, e un altro nato un anno prima della mia figlia piu’ piccola”. Ancora, la delegazione americana conta anche una campionessa di scherma che sara’ “la prima atleta olimpica americana a portare lo hijab durante la competizione”, ha sottolineato il presidente.<br><br>

Il riferimento e’ alla schermitrice Ibtihaj Muhammad, afro-americana musulmana di 30 anni. “In questa fase politica intensa, apprezziamo tutti questa oportunita’ di unirci sotto la stessa bandiera”, ha aggiunto il leader americano.

Ventimiglia, Alfano: ci giochiamo l’Europa

Gabrielli: “Accelereremo attività di decompressione a Ventimiglia”