in

Aggiornamento permessi per lungo soggiornanti: chi deve farlo. Termine entro il 3 agosto 2023

Roma, 18 aprile 2023 – Dal primo febbraio 2021, data di entrata in vigore della legge 238/20121, è stato introdotto un nuovo modello uniforme di permesso di soggiorno per i lungo soggiornanti, che differisce dal precedente modello – nella forma – poiché riporta una “validità” di 10 anni, anziché illimitata.

Nei contenuti invece il permesso attribuisce ancora il diritto permanente al soggiorno.

Occorre tenere a mente però che entro il 3 agosto 2023 coloro che abbiano ancora il vecchio modello devono chiederne la sostituzione, ovvero l’aggiornamento.

Infatti a seguito della modifica, il nuovo art. 9 del T.U. Immigrazione prevede espressamente: “il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo rilasciato da oltre dieci anni alla data di entrata in vigore della presente legge non e’ piu’ valido per l’attestazione del regolare soggiorno nel territorio dello Stato”.

Quindi i titoli al 01.02.2022 (data di entrata in vigore della legge 238/2021) erano stati rilasciati da più di dieci anni non hanno più validità ai fini del soggiorno sul territorio italiano con il conseguente rischio di perdita del permesso, e devono per questo motivi essere sostituiti

Modalità per richiedere l’aggiornamento:

la richiesta di aggiornamento del precedente permesso dovrà essere richiesta con le stesse modalità, ovvero tramite kit postale, anche con l’assistenza dei patronati.

Articolo realizzato per Stranieri in Italia da: Federica Merlo, avvocato

Clicca per votare questo articolo!
[Totale: 26 Media: 3.2]

Decreto flussi: salvaguardare il diritto di protezione, migliorare sistema ingressi per lavoro. Comunicato unitario CGIL CISL UIL

Lollobrigida: “Gli italiani tornino a fare figli, non possiamo arrenderci alla sostituzione etnica”