in

Imprenditori ucraini in Italia. Trasformare la crisi del coronavirus in nuove opportunità

Roma, 19 febbraio 2021 – Gli imprenditori ucraini in Italia hanno creato “Ucraina Lobby & Business Club”, un network per far fronte ai cambiamenti del mondo economico che seguiranno la crisi dovuta al covid-19. L’idea di base è che, l’attuale crisi obblighi gli imprenditori a ripensare i modelli di business e che sia necessario studiare tutti insieme una ripartenza più veloce e efficace.

La pandemia di coronavirus e la seguente crisi ha posto nuove sfide per gli imprenditori ucraini in Italia. In maggiore difficoltà sono finite le piccole e medie imprese di servizi, che costituiscono la maggior parte delle attività imprenditoriali gestite in Italia da connazionali.

L’“Ucraina Lobby & Business Club” è stata fondata nel 2020 su iniziativa di un giovane politico e imprenditore Mykhailo Vovchyk, il cui obiettivo è promuovere lo sviluppo innovativo degli imprenditori della diaspora.

Il primo passo del Club è stato quello di conoscere le reciproche realtà per poter pensare alle possibili cooperazioni. Il primo incontro degli imprenditori si è svolto online, dopodiché ci sono state organizzate due riunioni presso l’Ambasciata dell’Ucraina in Italia. Questi primi passi hanno permesso di sviluppare una rete di cooperazione e ricerca di partner commerciali.

COOPERAZIONE CON L’AMBASCIATA

L’Ambasciatore dell’Ucraina In Italia Yaroslav Melnyk si sente vicino alle tematiche dello sviluppo delle relazioni economiche imprenditoriali. Dal 2008 al 2010 ha svolto mansione di Vice Capo della Missione Economica e Commercio presso il Consolato Generale di Milano.

L’Ambasciatore ha proposto di essere “partner per gli imprenditori ucraini per attuare iniziative volte allo sviluppo del Club e delle attività commerciali della comunità”.

Yaroslav Melnyk ha assicurato che l’Ambasciata “continuerà ad essere una piattaforma di discussione, un cogeneratore di nuove idee e progetti”.

TRASFORMA LE SFIDE IN OPPORTUNITÀ

Nel corso delle riunioni degli imprenditori ucraini hanno manifestato forti motivazioni di realizzarsi nelle proprie opere e reinventarsi – un presupposto fondamentale per qualunque successo d’impresa.

Oleksandr Saltanchuk, il fondatore di “Rim-Tours Rim Srl”, è un esempio di come le sfide della crisi possano essere trasformate in nuove opportunità. Leader nel turismo e nell’autonoleggio con conducente (NCC) a Roma, ha diversificato la sua attività nel noleggio di scooter elettrici e nei servizi di corriere.

Volodymyr Bekysh, direttore rappresentante del gruppo internazionale Monolith, continua ad espandere la catena di negozi Mix Market, grazie alla quale è possibile gustare prodotti alimentari dall’Ucraina e dall’Est Europa in Italia.

Agli incontri del Club partecipano anche imprenditori italiani che investono nell’Ucraina. Fra loro – Rosario Sersa, Amministratore delegato di “CEO CFA Invest Group” che attualmente sta lavorando sull’apertura di un nuovo impianto di riciclaggio della plastica, che presto aprirà nella regione di Lviv.

Prezioso è il contributo degli avvocati Roman Semenyuk e Yulia Muts e del giurista Igor Dorosh che offrono agli imprenditori o a coloro che vorrebbero divenire tali, servizi di assistenza giuridica.

La ripresa economica dell’Italia risulta al momento molto fragile e fortemente danneggiata dalle conseguenze della pandemia. Gli imprenditori della comunità ucraina affrontano l’epoca della “Corona-crisi” nel reciproco supporto per trovare delle strategie di resilienza per ripartire.

Sei un imprenditore e vuoi entrare a far parte del “Ucraina lobby & Business Club”? Compila questo modulo: https://bit.ly/3a55hl

LEGGI L’ARTICOLO SU GAZETA UKRAINSKA

Clicca per votare questo articolo!
[Totale: 0 Media: 0]

Comunità. Roma: conferenza dedicata al pittore polacco T. Kuntze, autore degli affreschi nel palazzo Bonaparte

Salvini: “Con Draghi attueremo politiche rigorose sui migranti”