in

Nuovi schiavi. Il Numero Verde Antitratta risponde anche in romeno

Lo 800 290 290  risponde in 10 lingue, 24 ore su 24. Nessuno può essere tenuto in condizioni di schiavitù o servitù, lasciatevi aiutare

 

Roma – 24 ottobre 2015 – Sono molte le vittime della tratta in Italia, e tra loro anche ci sono anche cittadine e cittadini romeni. Dalle donne sfruttate dal racket della prostituzione a quanti vengono obbligati a lavorare come schiavi nei campi.

Anche l’Ambasciata della Romania ha avviato una campagna informativa rivolta a quanti vogliono venire a lavorare in Italia, ma anche a coloro che lavorano già sul territorio. Il messaggio è di  stare attenti prima di accettare un lavoro, di informarsi bene per essere sicuri che il rapporto di lavoro che stanno per iniziare ha un contratto regolare alla base. E chi è vittima della tratta dovrebbe subito chiedere aiuto. 

A fianco ai programmi di assistenza alle vittime di tratta, il Dipartimento Nazionale per le Pari Opportunità ha messo a disposizione dei cittadini, vittime e non solo, un Numero Verde Antitratta 800 290 290  per chiamare in caso di bisogno. Gli operatori rispondono in 10 lingue:  italiano, inglese, albanese, russo, francese, spagnolo, rumeno, ungherese, arabo, cinese e anche romeno. 

Numero Verde Antitratta 800 290 290, attivo 24 ore su 24 su tutto il territorio nazionale, è in grado di fornire alle vittime  tutte le informazioni sulle possibilità di aiuto e assistenza che la normativa italiana offre per uscire dalla situazione di sfruttamento. Possono chiamarlo anche operatori dei servizi sociali, rappresentanti delle Forze dell’Ordine, clienti di prostitute che chiedono informazioni in nome della persona trafficata, cittadini che vivono nelle aree di insistenza della prostituzione.

L ‘Italia è uno dei paesi europei maggiormente interessati dal fenomeno della tratta, e proprio per questo si è dotata di un sistema di interventi all’avanguardia in Europa e nel mondo.  Nessuno può essere tenuto in condizioni di schiavitù o servitù. Nessuno può essere costretto a compiere un lavoro forzato o obbligatorio. Informatevi e lasciatevi aiutare!

Anna Balea

 

Informatii despre exploatarea si traficul de persoane in Italia. Cum se previne? (Migreat.it)

 

Condividi su:

Il presidente Mattarella: “Libertà religiosa alla base delle libertà civili”

Flussi, per ingressi e conversioni c’è tempo fino al 31 dicembre