in

Integrazione contro il caporalato, due nuovi progetti in Sicilia

Roma, 13 gennaio 2021 – In una terra, la provincia di Ragusa, dove il fenomeno del caporalato – il reclutamento illegale dei lavoratori stagionali – è una realtà che compromette, oltre ai diritti dei lavoratori, la sicurezza nel settore agricolo, il PON Legalità 2014-2020 mette a disposizione altri 3,5 milioni per 2 nuovi progetti ammessi a finanziamento, finalizzati all’integrazione e all’inclusione, in particolare dei lavoratori immigrati, attraverso la valorizzazione dei saperi, l’accoglienza e il supporto.

I progetti sono legati al recupero di immobili comunali in due paesi della provincia.

Nel primo caso, ad Acate, l’ex macello comunale, l’ex istituto del Sacro Cuore e l’ex mattatoio Comunale ospiteranno il progetto “Coltiviamo la legalità e contrastiamo il caporalato”, che prevede azioni di assistenza, integrazione sociale, formazione e orientamento, assistenza legale e psicologica e ospitalità per lavoratori stagionali vittime di caporalato.

Nel secondo caso, a Vittoria, nei locali della delegazione comunale presso la frazione di Scoglitti, il progetto “Siamo uomini o…” si occuperà di scolarizzazione e formazione nel settore agricolo, per mettere i braccianti in grado di svolgere con competenza e consapevolezza il proprio lavoro senza sottostare a ricatti e sfruttamento. Nei locali della delegazione partirà il servizio di formazione per adulti gestito dall’omonimo centro provinciale, e sarà attivo anche un ufficio con funzionalità nel campo delle Politiche migratorie.

PER APPROFONDIRE

vaccino anti covid

Vaccino anti covid, Oxford AstraZeneca ha presentato la richiesta di autorizzazione

Covid. Congedo straordinario per genitori con figli in DAD nelle “zone rosse” o con disabilità grave