in

Johansson: “In Europa c’è bisogno di migranti, ma serve collaborazione tra gli Stati”

Roma, 27 novembre 2020 – In Europa c’è “bisogno delle migrazioni, ma dobbiamo imparare a gestirle meglio”. Lo afferma la commissaria europea agli Affari Interni, Ylva Johansson, intervenendo virtualmente ai Rome MED – Mediterranean Dialogues, un’iniziativa annuale organizzata dal MAECI (Ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale) e da Ispi (Istituto per gli studi di politica internazionale).

“Collaborazione e cooperazione devono essere le parole chiave per gestire meglio il fenomeno migratorio”, sottolinea la Johansson. Il nuovo patto per le migrazioni e l’asilo – presentato dalla Commissione lo scorso 23 settembre – rappresenta in questo senso un nuovo inizio. O almeno questo dovrebbe essere secondo l’Esecutivo che ha lanciato la proposta. Non è un piano perfetto, e lo hanno riconosciuto più volte anche gli stessi membri dell’Esecutivo comunitario. Ma secondo Johansson è ciò che più realisticamente si avvicina ad un buon compromesso per gli Stati membri, chiamati a dare il via libera definitivo alla proposta.

Extracomunitari, con una sentenza la Corte dell’Ue riconosce gli assegni familiari ai parenti all’estero

Guida alla conversione della patente di guida estera in Italia