in

Mediterraneo, la nave Mare Jonio salva cento migranti alla deriva su un gommone

Roma, 10 mag. (askanews) - La nave Mare Jonio della ong Mediterranea, con a bordo 30 persone salvate nel tardo pomeriggio di ieri a 40 miglia dalle coste libiche (tra cui 2 donne incinte, una bimba di un anno e altri 4 minori non accompagnati), è entrata in acque territoriali italiane, 12 miglia a sud di Lampedusa, ed "è stata raggiunta da due unità della Guardia di Finanza per un 'controllo di polizia'". Lo fa sapere Mediterranea sul suo profilo twitter: "Chiediamo ingresso in un porto sicuro dove sbarcare uomini, donne incinte e la bambina a bordo", si legge. Ieri la ong aveva fatto sapere di aver chiesto un porto sicuro al Centro di coordinamento dei soccorsi italiano (MRCC di Roma): "Ci è stati inoltrata una mail del Viminale che chiede di fare riferimento alle 'Autorità Libiche', quelle di un paese in guerra dove i diritti umani non esistono".

Roma, 28 agosto 2019 – “Alle 8.35 di questa mattina nave Mare Jonio ha completato il salvataggio di circa cento persone tra cui 26 donne di cui almeno 8 incinte, 22 bambini di meno di 10 anni e almeno altri 6 minori”.

Lo fa sapere Mediterranea Saving Humans, la rete delle associazioni italiane che con nave Mare Jonio naviga nel Mediterraneo per soccorrere migranti in difficoltà.

Ong. Salvini firma il divieto d’ingresso per la nave Eleonore con a bordo cento migranti

Migranti a Lampedusa. Il sindaco: ‘Situazione critica, siamo abbandonati’