in

Migranti. La Cnca: “È il momento di superare la Bossi-Fini”

Roma, 16 ottobre 2020 – “Siamo soddisfatti per i contenuti del decreto immigrazione e auspichiamo che il Parlamento non peggiori, nel suo esame, quanto contenuto nel testo del provvedimento. Tuttavia, consideriamo l’approvazione del decreto solo un primo passo verso una radicale riscrittura delle politiche sulle migrazioni”. Questo il commento di Riccardo De Facci, presidente del CNCA, e Stefano Trovato, coordinatore Area Migrazioni della federazione.

“Il testo adottato dal governo – spiegano -mette fine a un approccio punitivo verso persone migranti e ong, fortemente voluto dal precedente ministro dell’Interno, che ha purtroppo facilitato le morti di migranti nel Mediterraneo e le possibili speculazioni legate ai grandi centri di accoglienza. Ma è la legge Bossi-Fini sull’immigrazione che dobbiamo superare al più presto, una normativa lesiva dei diritti delle persone migranti e incapace di fare i conti con la realtà della globalizzazione e dei processi di migrazione a essa collegati. Se il governo vorrà aprire questo processo il CNCA, e le altre organizzazioni civiche impegnate su questi temi, saranno pronte a portare al tavolo le loro analisi e proposte”.

Lo studio: tasse e contributi dei lavoratori stranieri valgono 18 miliardi, il 9,5% del PIL italiano

Migranti. Ricollocazioni volontarie, 60 richiedenti asilo dalla Calabria in Germania