in

“Ti prendo a bastonate”, blitz a Catania contro caporali e sfruttatori nei campi

Arrestate nove persone, italiane e romene. Costringevano i braccianti a turni massacranti e paghe da fame, minacciandoli e facendoli vivere in container fatiscenti

 
Catania – 31 marzo 2015 – Nove persone, di cittadinanza italiana e romena, sono state arrestate oggi in un blitz dei carabinieri di catania nell’ambito di un’operazione contro lo sfruttamento della manodopera straniera nei campi. 
 
SSono accusate di far parte di un’associazione a delinquere che costringeva i lavoratori a vivere e a prestare la loro opera in condizioni disumane. Il tutto sotto la costante minaccia di violenze e della perdita dell’occupazione. 
 
Vuoi che ci prendiamo a legnate?” si sente ad esempio in una delle intercettazioni compiute dai militari. E i racconti delle vittime, tra le quali ci sono anche donne e minori, parlano di turni massacranti a fronte di miseri guadagni e mostrano una condizione di sudditanza psicologica nei confronti degli sfruttatori. 
 
La banda reclutava i lavoratori direttamente in Romania per poi impiegarli nel catanese in mansioni sottopagate e senza le garanzie minime di tutela. I braccianti venivano alloggiati all’interno di container dove i carabienieri hanno riscontrato condizioni igienico sanitarie pessime. 
 
A fare da intermediari tra lavoratori e datori erano caporali romeni. “Hai lavorato?” chiede in un’intercettazione un uomo dall’accento siciliano a uno dei caporali, tale Nicu, che risponde “oggi no”, “tu non travagghi mai” ribatte l’italiano, e quello si giustifica: “Io mando gli operai .. a te che ti interessa?”. 
 

Dio ama lo straniero, gli dà pane e vestiti (Foligno, 2 aprile 2015)

Razzismo a fumetti. Quando Paperino diceva “Hei, dannato negro!”