in

Assegni nucleo familiare all’estero: si possono recuperare gli arretrati anche dopo l’abolizione? E per quali parenti rimangono?

Roma, 2 settembre 2022 – Come noto dal 1° marzo 2022 è stato introdotto l’assegno unico, che tuttavia è una misura di sostegno alle famiglie che hanno figli a carico.

Quindi, ne consegue che tale misura si sostituisce solo parzialmente agli assegni familiari che invece sono previsti anche in relazione ad altri membri del nucleo familiare (coniuge, fratelli / sorelle e nipoti) che siano a carico e soddisfino certe caratteristiche.

Per tali familiari rimane pertanto la possibilità di richiedere gli assegni familiari, e alla luce della circolare dell’Inps del 22 agosto 2022, potranno essere richiesti e riconosciuti anche nel caso di trovino all’estero.

Invece, gli assegni familiari in relazione ai figli a carico che non siano ancora stati riconosciuti dall’Inps, proprio perché residenti all’estero, potranno essere recuperati, ma solo fino a quanto maturato al 28 febbraio 2022. Infatti l’assegno unico non fa venire meno il diritto agli assegni familiari che sia maturato prima dell’ingresso della nuova misura.

E’ utile infatti sapere che il diritto a tale misura economica si prescrive, e quindi gli assegni familiari possono essere richiesti, entro 5 anni.

Quindi:

  • E’ possibile ancora richiedere gli assegni familiari per i parenti diversi dai figli (coniuge, fratello/sorella, nipoti), purchè a carico e anche residenti all’estero;
  • Per i figli a carico, è ancora possibile solo richiedere gli arretrati fino al 28 febbraio 2022.

Articolo realizzato per Stranieri in Italia da: Federica Merlo, avvocato

Clicca per votare questo articolo!
[Totale: 5 Media: 3.8]

L’Aquila, siglata l’intesa per l’inserimento socio lavorativo dei titolari di protezione internazionale

Migranti, la denuncia di Ocean Viking: “Ci serve un porto sicuro, molti migranti sono in gravi condizioni di salute”