in

Cittadinanza: come funziona il nuovo portale? La guida dei nostri esperti

Roma, 11 febbraio 2021 – Dal 18 gennaio 2021 è attivo un nuovo portale per le domande di cittadinanza per matrimonio (MODELLO A) e residenza (MODELLO B), dovranno essere presentate all’indirizzo internet: https://portaleserviziapp.dlci.interno.it/AliCittadinanza/ali/home.htm.

Il vecchio portale (nullaostalavoro.dlci.interno.it) rimarrà invece operativo per le sole domande di competenza dello Sportello Unico Immigrazione (ricongiungimento familiare, flussi stagionali, conversione permesso di soggiorno, accordo d’integrazione e test di italiano).

NOVITA’ DEL NUOVO PORTALE: SPID (IDENTITA’ DIGITALE) OBBLIGATORIO

Da gennaio 2021 anche per accedere al nuovo portale dedicato alla cittadinanza italiana è obbligatorio munirsi di Spid, identità digitale pubblica necessaria per connettersi con la Pubblica Amministrazione. Non sarà quindi più possibile entrare con semplici credenziali.

Il portale stesso, selezionando “Non hai Spid?” invia al link  https://www.spid.gov.it/richiedi-spid, dove sarà possibile scegliere tra diversi gestori che offrono di attivare lo Spid. Occorre munirsi di un indirizzo e-mail, un numero di telefono cellulare e un documento di identità valido (anche il passaporto).

Attenzione: sarà richiesta la verifica dell’identità del richiedente SPID: alcuni gestori permettono di procedere di persona a tale verifica (Poste Italiane ad esempio), in altri casi viene effettuata via webcam o tramite Carta d’Identità Elettronica o Firma Digitale.

E chi avesse presentato la domanda con la vecchia modalità? dovrà munirsi ugualmente di SPID per continuare a monitorare la propria pratica ed accedere alle eventuali comunicazioni future.

Di seguito le modalità di recupero della propria domanda, diverse per residenti e non residenti in Italia.

DOMANDA GIA’ PRESENTATA SENZA SPID: COME RECUPERARLA

Come da indicazioni del Ministero dell’Interno, sarà possibile, per coloro che abbiano già presentato richiesta di cittadinanza con le semplici credenziali (mail e password), accedere alla propria pratica una volta registrati con il proprio SPID.

Dopo aver seguito l’accesso potranno quindi recuperare la propria domanda con i seguenti passaggi:

andare in Cittadinanza->Associa pratica-> cliccare su Associa pratica e inserire i dati richiesti e il Numero Pratica (ovvero il K10 o K10/C es: K10/0000001).

RICHIEDENTI CITTADINANZA CON RESIDENZA ALL’ESTERO

In questo caso, coloro che risiedono all’estero e hanno già richiesto la cittadinanza potranno:

– accedere con SPID

– oppure richiedere nuove credenziali, mediante l’apposito tasto “accedi senza SPID”. Questa modalità è ammessa SOLO per i residenti all’estero.

Sarà quindi possibile associare la propria domanda inserendo il numero di pratica con i seguenti passaggi:

andare in Cittadinanza->Associa pratica-> cliccare su Associa pratica e inserire i dati richiesti e il Numero Pratica (ovvero il K10 o K10/C es: K10/0000001).

Domanda inviata in forma cartacea

Per consultare le domande inviate in forma cartacea,  una volta effettuato l’accesso, con SPID o con le credenziali della nuova registrazione (per i richiedenti residenti all’estero):

andare in Cittadinanza->Associa pratica-> cliccare su “Primo accesso alla domanda cartacea” e compilare i campi richiesti.

INFORMAZIONI SULLO STATO DELLA DOMANDA: NUOVO INDIRIZZO

Cambino anche le modalità per monitorare lo stato della propria pratica: tutte le richieste di informazioni ed integrazioni di documentazione dovranno essere inviate all’indirizzo comunicazione.cittadinanza@pecdlci.interno.it

Inoltre, sono disponibili i seguenti numeri per informazioni telefoniche:

06/46539955 – lunedi/mercoledì

3346909996 – mercoledì

3316536673 – venerdì

COMPILAZIONE DOMANDA:

Per la compilazione della domanda basterà selezionale il modello di interesse (A per matrimonio , B per residenza) e riempire i campi relativi a:

  • dati del richiedente;
  • posizione giudiziaria (eventuali condanne o procedimenti penali pendenti);
  • situazione lavorativa – reddituale;
  •  fati propri familiari;
  • informazioni sulla residenza;
  • certificazione di lingua

Al seguente link le istruzioni di compilazione

Articolo realizzato per Stranieri in Italia da: Federica Merlo, avvocato

Razzismo a Bologna, si rifiutano di affittarle la casa perchè è tunisina

Covid: al via in Italia le vaccinazioni con AstraZeneca