in

Faccio la colf in una famiglia e mi hanno chiesto di seguirli durante le loro vacanze natalizie. Doveva essere previsto nel contratto? Quali sono i miei diritti? L’esperto risponde

Intanto è necessario specificare che, se al lavoratore domestico viene richiesto di lavorare anche “in trasferta”, ovvero di seguire la famiglia o il datore di lavoro anche in altro luogo durante le vacanze, queste dovranno essere individuate in periodo diverso da quello già scelto dal lavoratore o dalla lavoratrice per la propria vacanza.

Inoltre, l’eventualità di un trasferimento in altro luogo per un dato periodo anche del collaboratore domestico dovrebbe essere, possibilmente, già indicato nella lettera di assunzione.

Indicazione che però non è obbligatorio, con la conseguenza che ben potrebbe vedersi fare tale richiesta inaspettata.

Tuttavia, la previsione o meno di tale possibilità nel contratto di lavoro porta con sé delle conseguenze, perché se il datore di lavoro non ha indicato questa specifica richiesta di trasferta (anche solo possibile), dovrà corrispondere al lavoratore una diaria giornaliera (ovvero una somma aggiuntiva) pari al 20% della retribuzione minima giornaliera.

Diversamente, se nella lettera di assunzione già era stata indicata la possibilità di trasferta per periodi di vacanza, non sarà dovuta alcuna maggiorazione rispetto alla retribuzione già riconosciuta al lavoratore in sede di assunzione.

Occorre ricordare comunque che, anche per il lavoro svolto in trasferta, valgono le medesime regole con riferimento ai riposi settimanali, agli straordinari nei giorni di riposo o festivi.

Inoltre, il datore di lavoro in questo caso è tenuto a rimborsare (o coprire personalmente) le eventuali spese di viaggio sostenute dal collaboratore domestico.

Articolo realizzato per Stranieri in Italia da: Federica Merlo, avvocato

Clicca per votare questo articolo!
[Totale: 3 Media: 3.7]

Moratti: “Sugli sbarchi dei migranti l’errore più grande di Meloni”

Immigrazione, Meloni: “La Francia non mi ha insegnato niente, io difendo gli interessi della Nazione”