in

Permesso di soggiorno e cittadinanza italiana a seguito di unione civile: come funziona? L’esperto risponde

Roma, 15 maggio 2024 – Ottenere il permesso di soggiorno in Italia dopo un’unione civile, esclusivamente tra persone dello stesso sesso, è un processo che richiede il rispetto di determinati requisiti. Prima di tutto, entrambi i partner devono dimostrare di essere maggiorenni e legalmente capaci. Inoltre, è necessario che uno dei due abbia già ottenuto un permesso di soggiorno per motivi diversi dall’unione civile, come ad esempio per motivi di lavoro o di studio.

Documentazione richiesta
La documentazione richiesta per ottenere il permesso di soggiorno a seguito di un’unione civile varia a seconda della situazione specifica dei partner. In generale, è necessario presentare una copia del contratto di unione civile, oltre alla documentazione che attesti la residenza in Italia e la situazione lavorativa o economica dei due partner. È fondamentale che tutta la documentazione sia correttamente compilata e legalizzata per evitare ritardi o complicazioni nel processo.

Procedura di richiesta
Una volta raccolta tutta la documentazione necessaria, i partner devono procedere con la richiesta del permesso di soggiorno presso gli uffici competenti. Solitamente, questa richiesta viene presentata presso la Questura del luogo di residenza del richiedente. È importante prestare attenzione alle tempistiche e agli appuntamenti disponibili per evitare lunghe attese. Durante il processo, potrebbe essere richiesta anche un’intervista per verificare la validità dell’unione civile.

Cittadinanza italiana
Ottenere la cittadinanza italiana a seguito di un’unione civile è possibile solo dopo un periodo di convivenza legale ininterrotto di almeno tre anni. Durante questo periodo, è necessario dimostrare di aver rispettato tutte le leggi italiane e di essere in grado di sostenersi economicamente. Una volta trascorsi i tre anni, è possibile avviare la procedura per la cittadinanza italiana, che prevede ulteriori documenti e controlli da parte delle autorità competenti.

Articolo realizzato per Stranieri in Italia da: Francesca Pia Testini, avvocato

Per altre informazioni utili sul mondo dell’immigrazione, acquista il manuale “Diritto degli stranieri” a cura di Francesca Pia Testini 🔗 link https://amzn.eu/d/1QebdhN

Clicca per votare questo articolo!
[Totale: 2 Media: 4]

Piantedosi in Albania per la Conferenza ministeriale su “Cooperazione in materia di sicurezza e flussi migratori attraverso i Balcani occidentali”

Fondazione Pangea: a Roma uno sportello di sostegno per le donne migranti