in

Sono un lavoratore domestico, se devo fare visite mediche devo usare le mie ferie oppure ho il diritto a chiedere dei giorni liberi?

Roma, 21 giugno 2022 – I collaboratori domestici (colf, badanti ma anche baby sitter…) hanno diritto, come gli altri lavorati dipendenti, al riconoscimento di alcuni giorni liberi retribuiti per motivi di famiglia, di salute o altre ragioni, quali ad esempio in caso di appartenenza ad organizzazioni sindacali.

Ciò significa che non è necessario utilizzare i propri giorni di riposo (le ferie) per far fronte a tali esigenze.

Quindi anche il collaboratore domestico ha la possibilità, entro certi limiti minimi riconosciuti dal contratto collettivo nazionale di riferimento(CNN), di assentarsi dal lavoro per le ragioni richiamate, senza utilizzare le proprie ferie né perdere la retribuzione che sarà garantita.

Permessi per cure: dalle 16 alle 12 ore all’anno in base al contratto

Il collaboratore domestico può chiedere alcune ore retribuite di permesso per sottoporsi a visite mediche, che dovranno essere documentate.

Le ore variano da un massimo di 16 all’annuo (in caso di contratto a tempo pieno in regime di convivenza con il datore di lavoro), alle 12 annue in caso di lavoratore convivente ma che con tempo parziale o collaboratore non convivente con il datore di lavoro.

Il numero di permessi varierà quindi in base alla tipologia del contratto e alle ore di lavoro, e potrà essere verificato chiedendo l’assistenza di un patronato in caso di dubbio.

Permesso per paternità: quando nasce un figlio

Il lavoratore domestico che diventa padre ha diritto a due giorni di permesso, retribuiti, alla nascita di ogni figlio.

Permesso per motivi familiari: il decesso di un parente

E’ possibile richiedere fino a 3 giorni di permesso retribuito in caso di morte di un familiare entro il secondo grado, oppure altro familiare convivente.

Inoltre, al di fuori di questi casi, le parti (datore di lavoro e lavoratore) possono accordarsi per ulteriori giorni di permesso, che tuttavia non verranno pagati.

Articolo realizzato per Stranieri in Italia da: Federica Merlo, avvocato

Clicca per votare questo articolo!
[Totale: 2 Media: 5]

Bonus 200 euro per colf, badanti e baby sitter: a chi spetta?

Viterbo, colf e badanti: denunciate 300 persone per evasione fiscale e lavoro in nero