in

Tradizioni natalizie della Polonia, “opłatek” e 12 piatti della Vigilia di Natale

Roma, 23 dicembre 2020 – Natale, così come lo festeggiano i Polacchi: una festa incantevole e indimenticabile. Parola anche di tanti stranieri che hanno avuto il modo di conoscere le loro tradizioni.

I tempi cambiano, ma in Polonia non sono nè le vetrine dei negozi lucicanti, nè i regali a rendere Natale una festa magica, bensì intramontabili tradizioni. Una delle più importanti consiste nello scambio di auguri, durante il quale rigorosamente bisogna dividersi l’opłatek (una piccola cialda bianca, simile a un’ ostia, con raffigurazioni della Natività).

Opłatek simbolizza il pane. Il fatto che bisogna spezzarlo e regalarne un pezzo durante lo scambio dei auguri fà si che, volenti o nolenti, sotto le feste natalizie bisogna fare pace con tutti. In famiglia lo scambio di auguri con opłatek avviene durante il cenone nella vigilia di Natale, mentre con colleghi di lavoro e conoscenti si fà qualche giorno prima. Un abbraccio dal vivo, un pezzo di questo pane speciale donato e dato in dono (anche a coloro con i quali abbiamo litigato) rendono Natale polacco davvero indimenticabile.

I piatti tipici della Vigilia di Natale in Polonia

Un’altra antica tradizione che viene rispettata dai polacchi sia in patria, sia al estero, riguarda la cena della Vigilia di Natale durante quelle vengono serviti ben dodici piatti diversi.

Il numero dodici simboleggia i dodici apostoli, ma anche i dodici mesi dell’anno. Secondo le credenze popolari, assaggiare anche solo una piccola porzione di ognuna delle dodici pietanze dovrebbe portare fortuna nell’anno a venire – spiega il portale dei polacchi in Italia “Nasz Świat” https://naszswiat.it/lifestyle/piatti-tipici-della-vigilia-natale-polonia/

Fra questi dodici piatti regnano sapori decisi, stagionali, con forte presenza di piatti di provenienza contadina, dove è diffuso l’uso dei funghi porcini e della verza (crauti). Nessuno di questi piatti può essere a base di carne, ma il pesce è ammesso. Fra le portate “d’obbligo” c’è la carpa, preparata secondo modalità e ricette diverse, barszcz czerwony z uszkami – zuppa di barbabietole con raviolini oppure zupa grzybowa – zuppa di funghi porcini, Pierogi-ravioli con con crauti e funghi porcini. I dolci tipici della Viglia di Natale sono Piernik – il San di zenzero e Makowiec  – un dolce a base di semi di papavero (per l’appunto, “mak” in polacco), che, un po’ come le lenticchie in Italia, simboleggiano la prosperità.

Fonte: NaszSwiat.it

nuovo decreto covid

Natale covid, da domani l’Italia è zona rossa: cosa si può fare

La tragedia. Savona, due migranti travolti e uccisi da un treno