in

Ucraina e Italia: avviati i colloqui sulla previdenza pensionistica per i lavoratori immigrati

Roma, 29 gennaio 2021 – Il sistema previdenziale italiano prevede le pensioni di vecchiaia in base ai contributi versati. Queste disposizioni si applicano anche ai lavoratori stranieri, legalmente operanti in Italia.

Per gli stranieri che non hanno raggiunto 20 anni di esperienza assicurativa, la legge italiana prevede comunque la possibilità di percepire una piccola pensione.

Con alcuni paesi stranieri l’Italia ha sviluppato degli accordi di totalizzazione, in virtù del quale i periodi di lavoro all’estero, regolarmente retribuiti e assicurati, sono sommati ai periodi italiani per permettere al lavoratore di raggiungere il diritto a pensione.

Per i cittadini ucraini che lavorano all’estero questa anzianità di servizio non viene presa in considerazione nel calcolo della pensione in Ucraina.

L’avvio di negoziati sulle pensioni

L’Ambasciata dell’Ucraina in Italia ha annunciato l’avvio di negoziati con la Repubblica Italiana sulle questioni sulla sicurezza sociale dei lavoratori ucraini in Italia.

L’Ambasciatore dell’Ucraina in Italia Yaroslav Melnyk Il 21 gennaio ha incontrato il Capo dell’Istituto nazionale di previdenza sociale (INPS) Pasquale Tridico.

Durante il colloquio è stato raggiunto un importante accordo sull’avvio dei lavori sul testo dell’accordo bilaterale sulla risoluzione di questioni delicate per la comunità ucraina legate all’attuazione delle prestazioni pensionistiche.

“Il signor Tridico ha espresso la disponibilità a stabilire una cooperazione con il Fondo Pensione dell’Ucraina” – leggiamo nel comunicato dellìAmbasciata.

A breve sarà istituito un gruppo di lavoro che nel prossimo futuro stenderà il testo dell’accordo.

Totalizzazione delle pensioni – una questione calda per la comunità ucraina

La questione è molto sentita dalla comunità ucraina in Italia.

Secondo il rapporto pubblicato sul sito del Senato della Repubblica del 1 febbraio 2020, riguardante la situazione sulle pensioni pagate all’estero l’Ucraina è uno dei paesi con più alto incremento numerico di pensionati Inps +1294 (90%).

Si registra anche un importante trend di crescita fra gli immigrati pensionati che rientrano in patria (specialmente Moldavia, Ucraina e Romania). Il numero di pagamenti delle pensioni all’estero registra un incremento di 242,3%.

Marianna Soronevych

LEGGI L’ARTICOLO SU GAZETA UKRAINSKA

vaccino anti covid

Covid. Johnson&Johnson: vaccino efficace al 66%

Vaccino Pfizer: in Israele efficace su quasi il 100% della popolazione già vaccinata