in

Case popolari: giusto ridurre il punteggio quando non si ha più i requisiti

Con la sentenza n° 201601242, Il Tar Lombardia ha dato ragione al Comune di Milano che ha eliminato il punteggio relativo alle condizioni alloggiative di “rilascio di alloggio” della domanda presentata dal cittadino straniero in merito.

 

Il Tar ha concluso che essendo passato più di un anno, il punteggio ottenuto al momento della presentazione della domanda o della sua rivalutazione non era più valido, specie se il richiedente non è più in possesso dei requisiti.

SCARICA LA SENTENZA 

Condividi su:

“Cittadinanza italiana alla compagna di Emmanuel”, già 25 mila firme 

Cittadinanza ai figli degli immigrati, nuova fumata nera per la riforma