in

Accoglienza & Lavoro, 4 mila migranti vulnerabili formati con il progetto di Assolavoro

Roma, 6 dicembre 2023 – Oltre 4 mila persone richiedenti o titolari di protezione internazionale, temporanea o speciale sono state formate gratuitamente del progetto Accoglienza&Lavoro promosso da Assolavoro, l’Associazione Nazionale delle Agenzie per il Lavoro, in collaborazione con l’Agenzia Onu per i Rifugiati UNHCR.

Alla fine dello scorso ottobre, circa 2300 persone hanno concluso percorsi di formazione di base, dedicati alla lingua italiana, alla cultura italiana e dell’educazione civica, mentre circa 1700 persone hanno partecipato a percorsi di formazione professionale. La formazione, sottolinea l’associazione di categoria, ha avuto “una buona ricaduta in termini di placement in diversi settori occupazionali del mercato dove, peraltro, già le Agenzie per il Lavoro presentano un alto grado di occupazione di lavoratori stranieri”.

Lanciato nel 2022, il progetto Accoglienza&Lavoro mira all’inclusione socio-lavorativa. Grazie a un accordo tra Assolavoro e i sindacati Nidil Cgil, Felsa Cisl e Uiltemp, offre gratuitamente a rifugiati e altri migranti vulnerabili formazione, servizi per il lavoro e misure di welfare, finanziati con 45 milioni di euro provenienti dalla bilateralità.

Alle attività di orientamento, prima informazione e bilancio di competenze seguono corsi di lingua, cultura ed educazione civica e corsi di formazione professionale. Durante la frequenza sono previsti un rimborso per le spese di vitto e alloggio e un’indennità di 3,50 euro l’ora, mentre al termine c’è un contributo una tantum di 1000 euro. Inoltre, le persone che frequentano i corsi o che sono impiegate presso un’Agenzia per il Lavoro hanno accesso a contributi per le spese relative ad asili nido, beni di prima necessità per figli piccoli, istruzione e assistenza psicologica per sé o per i propri cari.

Infine sono previsti contributi anche per i lavoratori impiegati dalle Agenzie per il Lavoro che accolgono beneficiari di protezione internazionale, protezione temporanea o protezione speciale per almeno 3 mesi: 1000 euro, che salgono a 1500 euro se si ospitano minori e donne in stato di gravidanza.

Maggiori informazioni e contatti utili sono disponibili in italiano, ucraino, inglese e francese sul sito del progetto Accoglienza&Lavoro

FONTE NEWS: Integrazione Migranti

Clicca per votare questo articolo!
[Totale: 1 Media: 5]

Patto di migrazione e asilo europeo: critiche e preoccupazioni per i diritti umani

immigrati

Accordo Italia-Albania: verranno trasferiti solo i migranti imbarcati in acque extra Ue