in

Cittadinanza. Alfano: “No a ius soli puro, ok a rimodulazione”

L’apertura del leader del PdL: “In Italia il principio esiste già. Discussione nel merito, senza ideologia”

Roma – 27 maggio 2013 – No allo ius soli puro, ma si si può discutere, senza arroccamenti ideologici, su come modulare gli anni necessari perché chi è nato in Italia diventi italiano.

È l’apertura arrivata ieri da Angelino Alfano, vicepresidente del Consiglio e segretario del Popolo delle Libertà, durante un’intervista A Che Tempo che Fa. “Favorevole o contrario allo ius soli?” gli ha chiesto il presentatore Fabio Fazio.

“Qui – ha risposto Alfano – c’è un piccolo equivoco culturale. In Italia esiste già lo ius soli. Il bambino ch e nasce in Italia a 18 anni, a determinate condizioni, in quanto è nato in Italia diventa cittadino italiano, quindi lo ius soli è già previsto”.

“Quindi di che cosa si deve discutere? Si deve discutere – ha aggiunto – se si può abbassare questa soglia. Di certo io non creo che ci sia qualcuno che voglia fare sì che in Italia se tu passi per sbaglio e nasci in Italia e poi ti trasferisci sei comunque cittadino italiano”.

“Se si tratta di rimodulare lo ius soli – ha  concluso Alfano – non ho grandi problemi ad immaginarlo. Ma trasformare l’Italia in un luogo in cui tu diventi italiano se passi da una sala parto, no. Bisogna entrare nel merito senza ideologia”.

Condividi su:

Tek Money: “Ho fame e ambizione, sono il primo negro a salire sul podio”

Consiglio di Stato. Diniego di conversione permesso di studio in lavoro subordinato.