in

Milano: migliaia in piazza contro il razzismo

Milano, 2 marzo 2019 – “Una grande iniziativa pubblica per dire che vogliamo un mondo che metta al centro le persone. La politica della paura e la cultura della discriminazione viene sistematicamente perseguita per alimentare l’odio e creare cittadini e cittadine di serie A e di serie B. Per noi, invece, il nemico è la diseguaglianza, lo sfruttamento, la condizione di precarietà”.

Questo l’appello di ‘People – prima le persone’, la manifestazione per i diritti che si sta tenendo oggi a Milano promossa da 30 realtà, dall’Arci ai sindacati alle organizzazioni antirazziste, cui hanno aderito oltre 1000 associazioni.

“Inclusione, pari opportunità e una democrazia reale per un Paese senza discriminazioni, senza muri, senza barriere” sono i motivi – come si legge nell’appello – per cui è stata promossa questa mobilitazione nazionale. Ma anche “perché crediamo che la buona politica debba essere fondata sull’affermazione dei diritti umani, sociali e civili. Perché pensiamo che le differenze – legate al genere, all’etnia, alla condizione sociale, alla religione, all’orientamento sessuale, alla nazione di provenienza e persino alla salute, non debbano mai diventare un’occasione per creare nuove persone da segregare, nemici da perseguire e ghettizzare o individui da emarginare. Noi siamo per i diritti e per l’inclusione. Noi siamo antirazzisti, antifascisti e convinti che la diversità sia un valore e una ricchezza culturale”.

“E nel ribadire Prima le Persone diciamo che – si legge ancora – servono, in Italia e in Europa, politiche sociali nuove ed efficaci, per il lavoro, per la casa, per i diritti delle donne, per la scuola e a tutela delle persone con disabilità. Noi ci battiamo per il riscatto dei più deboli e per scelte radicalmente diverse da quelle compiute sino a oggi in materia di immigrazione, politiche di inclusione, lotta alle diseguaglianze e alla povertà”.

Sfila insieme ai bambini scout alla marcia ‘People-prima le persone’, il sindaco di Milano Giuseppe Sala. In un “momento di grande cambiamento” per il Paese “è questa la nostra visione di Italia” dice primo cittadino di Milano per il quale in questo momento “ci troviamo a uno spartiacque” a livello di società.

“Italiani da tutte le parti del Paese oggi dicono da Milano PRIMA LE PERSONE e
No allo slogan PRIMA GLI ITALIANI.
SI all’accoglienza e inclusione, SI alla società multiculturale, multireligiosa, libera, giusta, e dove i diritti di TUTTE e TUTTI sono rispettati.
Ecco l’Italia che vogliamo. Un Paese senza discriminazioni, senza muri, senza barriere. Un Paese dove regna l’amore” – queste le parole di Stephen Ogongo, Coordinatore di Cara Italia, intervenuto a sostegno dell’iniziativa contro il razzismo.

Condividi su:

Salvini, sbarchi in calo del 95%

L’ONU: l’Italia viola i diritti umani e non rispetta gli obblighi internazionali