in

Tribunale di Roma: conto corrente di base anche ai richiedenti asilo in attesa del permesso

Roma, 8 gennaio 2020 – La ricevuta che attesta la presentazione di domanda di protezione internazionale in corso di validità e munita di fotografia del titolare rilasciata da un’amministrazione dello Stato e con indicazione del nome e della data di nascita del richiedente, è un documento idoneo a permettere al richiedente asilo di aprire un conto corrente di base presso gli sportelli postali o bancari.

Lo ha riconosciuto il Tribunale di Roma con una decisione adottata il 21 dicembre 2020.

La vicenda ha riguardato un richiedente asilo regolarmente soggiornante che aveva formalizzato domanda di protezione internazionale ma che era in possesso della sola ricevuta attestante la formalizzazione della domanda, essendo ancora in attesa del rilascio del relativo permesso di soggiorno.

PER APPROFONDIRE

Minori scomparsi. Al via nuovo protocollo governativo per prevenire il fenomeno

Bollettino covid oggi, 8 gennaio: torna a calare il tasso di positività